Macron lancia il Recovery di guerra

“L’Ue cambierà più con la guerra che con la pandemia”, è il titolo che Parigi ha dato al suo piano. I pilastri sono tre: rafforzare le capacità di difesa, ridurre la dipendenza economica e costruire una base economica più solida

Macron lancia il Recovery di guerra

Un Recovery di guerra e una road map che, da qui a maggio, disegni una nuova Europa. Più concreta nella risposta militare, più lanciata verso l’autonomia energetica. È con questi obiettivi che Emmanuel Macron ha ricevuto i 27 leader europei nella Reggia di Versailles. Al tavolo di Versailles il presidente francese ha delineato una sorta di cronoprogramma.

Al Consiglio europeo di fine marzo il tema cardine sarà l’autonomia energetica. A maggio, probabilmente, potrà essere convocato un nuovo summit straordinario. Un vertice al quale Macron conta di presentarsi fresco di vittoria alle presidenziali di aprile.

“L’Ue cambierà più con la guerra che con la pandemia”, è il titolo che Parigi ha dato al suo piano. I pilastri sono tre: rafforzare le capacità di difesa, ridurre la dipendenza economica e costruire una base economica più solida.

Al centro dell’attenzione c’è una guerra della quale l’Ue non riesce a vedere la fine. Ecco perché anche dai falchi si cominciano a vedere delle prime aperture. L’intesa politica per usare delle risorse su energia e difesa sembra esserci: è lo strumento che divide il Vecchio Continente.

Con l'Ue divisa tra chi spinge per un fondo ex novo per la nuova emergenza e chi, come la Germania, prima del vertice ha fatto sapere di non ritenere l’argomento neppure in agenda. Per i falchi i soldi già ci sono.

“Non c’è un secondo Recovery Plan, il primo è irripetibile”, è stata la chiusura dell’olandese Mark Rutte. Eppure, nel fronte del Nord, qualche aperture si intravede. Il cancelliere austriaco Karl Nehammer ha sorpreso tutti parlando nettamente di “investimenti comuni necessari”. La premier svedese Magdalena Andersson ha definito gli eurobond “un alibi per gli Stati per non pagare”, ma dall’altro ha sottolineato l’esigenza di “finanziamenti di lungo termine per la difesa”.

Sulla possibile adesione dell’Ucraina all’Ue, infine, si registra una frenata. Un’adesione lampo, oltre che improbabile dal punto di vista pratico, non trova neppure l’unanimità politica. Ma i leader si apprestano a certificare il loro impegno politico per una “prospettiva europea” di Kiev, per la sua vicinanza ai valori comuni europei.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Energia, il Consiglio europeo è un flop

Energia, il Consiglio europeo è un flop

Ue
Energie & Risorse

Ue, via libera allo status di candidati a Ucraina e Moldavia. Ma per i paesi balcanici il vertice è stato un disastro

L’Alto rappresentante dell’Ue, Josep Borrell: “L’unanimità è un grande problema” nel prendere decisioni [continua ]

Ue
Strategie & Regole
Difesa, dal 1999 la spesa è salita del 20%
quoted business

Difesa, negli ultimi 22 anni la spesa è salita del 20% nell’Ue, 66% negli Usa, 292% in Russia e 592% in Cina

Ue
Strategie & Regole

L’Ue crea la sua mini-difesa. Ma quello che servirebbe è una politica estera comune

La decisione dell’Ue di dotarsi di 5.000 soldati e più fondi per gli armamenti non sposterà gli equilibri nel breve e medio periodo e si tradurrà comunque in un aumento del divario tra spesa per la difesa e integrazione, situazione esacerbata dall’assenza di una politica estera comune. A brindare all’iniziativa di Bruxelles è soprattutto l’industria militare, che può crogiolarsi in una spesa in costante crescita su base nazionale associata a inefficienze e duplicazione di progetti e costi. [continua ]

Ue
Strategie & Regole
quoted business

Draghi: “Questo Consiglio europeo è stato un successo”

Il premier italiano: “Più forte è la Difesa europea, più forte è la Nato. Comunque, i paesi dell’Ue spendono 3 volte di più rispetto alla Russia”. Per clima e Difesa occorrono più risorse: “Ma nei bilanci nazionali non c’è spazio…”. Poi spiega: “Importeremo di più da Canada, Stati Uniti, Argentina”. [continua ]

Ue
Strategie & Regole
Graziano: “Nasce la Difesa europea”

Graziano: “Nasce la Difesa europea”

Ue
Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com