La guerra in Ucraina prosegue. Ursula von der Leyen: “Le sanzioni europee alla Russia resteranno. Putin fallirà”

Sul fronte energetico, l’Ue punta a raccogliere 140 miliardi di euro dal tetto ai ricavi delle società energetiche.

Von der Leyen: “Le sanzioni europee alla Russia resteranno. Putin fallirà”
Ursula von der Leyen

Nel suo annuale discorso sullo Stato dell’Unione, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha confermato che “le sanzioni alla Russia non saranno rimosse”, aggiungendo che “Putin fallirà”, e che le imprese energetiche saranno chiamate a contribuire all’uscita dalla crisi energetica ed economica. La misura, che dovrà essere discussa e approvata dai 27 Stati, dovrebbe permettere di raccogliere oltre 140 miliardi di euro da utilizzare per calmierare le bollette elettriche.

Come emerso nei giorni scorsi, la strategia prevede anche un contributo delle aziende petrolifere, così come una futura riforma del mercato dell’energia. Sempre sul fronte energetico, Bruxelles vuole promuovere l’idrogeno. “Dobbiamo passare da un mercato di nicchia a un mercato di massa”, ha detto la presidente, annunciando la nascita di una banca dell’idrogeno, dotata di 3 miliardi di euro.

Al di là delle questioni energetiche, von der Leyen ha parlato, a metà legislatura, delle priorità dei prossimi due anni. La presidente della Commissione si è detta favorevole a una riforma dei Trattati e ha discusso delle terre rare. Secondo Bruxelles, la domanda per queste materie prime, utilizzate in numerosi prodotti tecnologici, verrà moltiplicata per cinque da qui al 2030. “Oggi un paese controlla il mercato”, ha detto la presidente della Commissione europea, riferendosi alla Cina. Un nuovo Raw Material Act dovrà servire a garantire gli approvvigionamenti del futuro, mentre un nuovo fondo sovrano dovrà finanziare progetti comunitari.

Sul fronte delle regole di bilancio, von der Leyen ha confermato che in ottobre la Commissione europea presenterà nuove proposte di riforma del Patto di stabilità: “Abbiamo bisogno di regole che promuovano investimenti strategici e che garantiscano sostenibilità di bilancio. Vogliamo introdurre maggiore flessibilità nel percorso nazionale di riduzione del debito, ma al tempo stesso imporre maggiore rispetto delle regole”.

Nessun commento, invece, sul tetto al prezzo del gas (opzione che rischia di non vedere mai la luce) e nessuna specifica sui razionamenti energetici che, tuttavia, sembrano ormai inevitabili. Anche perché come lei stessa ha ammesso: “Gli stoccaggi di gas dei paesi europei sono in media all’84%. Ma non basterà”.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

L’Ue verso il settimo pacchetto di sanzioni contro Mosca: stavolta tocca al

L’Ue verso il settimo pacchetto di sanzioni contro Mosca: stavolta tocca all’oro

Ue
Strategie & Regole

Ue, via libera allo status di candidati a Ucraina e Moldavia. Ma per i paesi balcanici il vertice è stato un disastro

L’Alto rappresentante dell’Ue, Josep Borrell: “L’unanimità è un grande problema” nel prendere decisioni [continua ]

Ue
Strategie & Regole
Bruxelles, quinto pacchetto di sanzioni contro la Russia. Germania isolata

L’Ue vara il quinto pacchetto di sanzioni contro la Russia. Germania sempre più isolata

Ue
Strategie & Regole

L’Ue crea la sua mini-difesa. Ma quello che servirebbe è una politica estera comune

La decisione dell’Ue di dotarsi di 5.000 soldati e più fondi per gli armamenti non sposterà gli equilibri nel breve e medio periodo e si tradurrà comunque in un aumento del divario tra spesa per la difesa e integrazione, situazione esacerbata dall’assenza di una politica estera comune. A brindare all’iniziativa di Bruxelles è soprattutto l’industria militare, che può crogiolarsi in una spesa in costante crescita su base nazionale associata a inefficienze e duplicazione di progetti e costi. [continua ]

Ue
Strategie & Regole
quoted business

Draghi: “Questo Consiglio europeo è stato un successo”

Il premier italiano: “Più forte è la Difesa europea, più forte è la Nato. Comunque, i paesi dell’Ue spendono 3 volte di più rispetto alla Russia”. Per clima e Difesa occorrono più risorse: “Ma nei bilanci nazionali non c’è spazio…”. Poi spiega: “Importeremo di più da Canada, Stati Uniti, Argentina”. [continua ]

Ue
Strategie & Regole
Macron lancia il Recovery di guerra
quoted business

Macron lancia il Recovery di guerra

Ue
Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com