I colossi tedeschi hanno finanziato la campagna elettorale di Donald Trump

Basf, Telekom, Siemens e SAP sono tra le 17 grandi aziende tedesche che hanno finanziato la campagna elettorale in occasione delle elezioni statunitensi di midterm più costose di sempre. La maggior parte dei fondi sono stati elargiti al comitato di Trump

I colossi tedeschi hanno finanziato Trump

Mentre i rapporti istituzionali fra Germania e Stati Uniti sono ai minimi storici, le grandi aziende tedesche hanno fatto una scelta in apparenza paradossale. In occasione delle elezioni statunitensi di metà mandato si sono posizionate perlopiù dalla parte dei repubblicani e di Donald Trump, nonostante le ripetute minacce di Washington di applicare nuovi dazi sui prodotti europei importati negli Usa. I grandi colossi della prima economia europea hanno così partecipato fattivamente a quella che è stata la campagna elettorale midterm più costosa di sempre: 4,7 miliardi di dollari.

Diciassette aziende tedesche hanno donato complessivamente 2,63 milioni di dollari, secondo un'analisi del quotidiano tedesco Die Welt. In realtà, aziende e soggetti esteri non possono erogare fondi direttamente ai candidati. Piuttosto, le somme vengono elargite ai comitati elettorali che a loro volta sostengono i singoli candidati.

Basf è stata l’azienda più generosa in Germania e la terza al mondo con i suoi 632 mila dollari, seguita da Deutsche Telekom con 604 mila. Su livelli un po’ più bassi si sono assestati Fresenius Medical Care (296 mila), Bayer (264 mila) e Siemens (168 mila). Ci sono, infine, contributori minori (al di sotto dei 100 mila), fra i quali Allianz, SAP, Daimler e, persino, la prima banca tedesca – da tempo in crisi – Deutsche Bank.

Secondo l'analisi di Welt, in media il 59% delle donazioni provenienti dalle imprese tedesche è finito ai repubblicani. Solo ZF Friedrichshafen, Merck, SAP e Daimler-Mercedes hanno voluto dichiaratamente favorire i democratici. Non stupisce la decisione del grande produttore di auto viste le minacce di Trump di voler introdurre tariffe sulle vetture europee.

Ecco allora che la politica delle dichiarazioni ufficiali si mescola alla frenetica attività lobbistica.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com