Tutti pazzi per Angela. Cresce in Germania la voglia di un quinto mandato

La cancelliera tedesca durante la crisi del coronavirus ha dato mostra di leadership e autorevolezza, tanto che i suoi consensi hanno superato l’80% e fatto risalire le quotazioni della Cdu

Tutti pazzi per Angela. Cresce la voglia di un quinto mandato

Sul piedistallo c’è ancora lei. È la sua la parola che continua a pesare di più in Europa, perché il suo Paese è la prima economia dell’Ue. E ora che l’Unione è a un punto di svolta, rischiando di implodere su se stessa, al centro c’è sempre Angela Merkel.

La scienziata-mamma, capace di rassicurare la Germania, è sempre più in auge nel Paese. Secondo alcuni sondaggi, avrebbe il gradimento dell’80% dei tedeschi, livelli dai quali gli altri leader europei sono lontani anni luce. E la Cdu/Csu è tornata a volare (37% dei consensi). Un partito che fino a poco fa era nel caos assoluto, culminato con l’annuncio delle dimissioni della leader Annegret Kramp-Karrenbauer.

E così, per la prima volta, sui giornali tedeschi inizia a farsi timidamente strada l’impensabile: un nuovo (e quinto) mandato Merkel. Lei che già da anni viene indicata come un’anatra zoppa sulla via del tramonto.

Molto dipenderà da come evolverà la pandemia. Ma oggi una Angela Merkel che siederà anche dopo il 2021 alla cancelleria (a quel punto supererebbe per durata anche Kohl) non appare più impossibile come fino a pochi mesi fa.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com