Merkel ricuce lo strappo tra Ue e Corte costituzionale tedesca

La cancelliera: “Dalla Corte costituzionale tedesca un giudizio spinoso. Ma c’è una soluzione”. E, senza nominarli, Merkel si riferisce preoccupata al crescente autoritarismo contrario al diritto europeo di Polonia e Ungheria

Merkel ricuce lo strappo tra Ue e Corte costituzionale tedesca

Angela Merkel riconosce che la situazione generata dal giudizio della Corte costituzionale tedesca sulla Bce sia “spinosa”, ma parlando al presidio della Cdu in videoconferenza la cancelliera si sarebbe mostrata comunque ottimista sulla possibilità di una soluzione.

Nel corso del meeting, Merkel ha spiegato di comprendere appieno la reazione della Commissione europea che ha sottolineato come le corti nazionali non possono mettere in discussione le sentenze della Corte di Giustizia europea, ma a suo parere la situazione può essere superata se la Bce fornirà, come richiesto dai giudici di Karlsruhe, chiarimenti sulla logica e l’approccio del suo programma di acquisti oltre che un’analisi su benefici e ricadute negative.

Un chiarimento è importante perché la sentenza costituisce un problema anche per il consenso raccolto da parte di altri Paesi europei, sostiene Merkel. La cancelliera non li nomina, ma è facile immaginare che pensi a Polonia e Ungheria e al loro crescente autoritarismo contrario al diritto europeo.

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com