Merkel celebra la Riunificazione. Ma è riuscita solo in parte

Restano forti le differenze socio-economiche tra Est e Ovest. Il presidente del Consiglio europeo: “La riunificazione tedesca ha aperto la strada all’espansione dell’Ue”

Merkel celebra la Riunificazione. Ma è riuscita solo in parte

“Sappiamo che oggi dobbiamo essere di nuovo coraggiosi. Coraggiosi nell’affrontare nuove strade di fronte a una pandemia. Coraggiosi di fronte alle differenze tuttora esistenti fra est e ovest. Coraggiosi per promuovere sempre di nuovo la tenuta della nostra società e lavorare per questo obiettivo”.

Lo ha detto Angela Merkel (domenica 4 ottobre) prima dell’inizio della festa ufficiale per i 30 anni della Riunificazione tedesca, riconoscendo che tra parte occidentale e quella orientale restano ancora forti le differenze socio-economiche.

“Oggi possiamo rallegrarci di poter festeggiare in pace e libertà la riunificazione - ha aggiunto la cancelliera -. Servì molto coraggio per arrivare fin qui, da parte di tante persone, che nella Ddr scesero per le strade e avviarono la rivoluzione pacifica”.

Costruita sui valori di libertà, democrazia e diritti umani, la riunificazione tedesca ha aperto la strada all’espansione dell’Ue”, ha scritto su Twitter il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ricordando i 30 anni della riunificazione tedesca.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com