Spd e Cdu-Csu trovano un'intesa. Via libera al 4° governo Merkel

I principali punti critici per la Grosse Koalition sono stati la riforma del sistema sanitario e l'introduzione di limiti ai contratti di lavoro temporaneo. Vanno all'Spd tre ministeri chiave: esteri, finanze e lavoro

Spd e Cdu-Csu trovano un'intesa. Via libera al 4° governo Merkel
I due leader tedeschi: Angela Merkel (Cdu) e Martin Schulz (Spd)

La Grosse Koalition si farà. Dopo lunghi negoziati così hanno deciso i due leader: Angela Merkel e Martin Schulz. Dunque, via libera al quarto governo targato Merkel.

L'Spd è riuscito ad assicurarsi tre ministeri chiave: esteri, finanze e lavoro. Gli interni, invece, sono andati al leader della Csu, Horst Seehofer, la cui carriera sembra lo scorso anno essere giunta al capolinea. La Cdu prende economia e difesa.

Tra i tre, il partito più in difficoltà resta comunque l’Spd visto che nel 2005 poteva contare sul 35% delle preferenze, poi scese al 20,5 nell’era Merkel. Non sarà facile per i delegati del partito costituito 155 anni fa mandare giù questo boccone, nonostante il messaggio di Schulz di voler mettere avanti a tutto gli interessi del paese. Allora si capisce perchè ci sia voluto tanto tempo per raggiungere un’intesa.

I principali punti critici sono stati la riforma su due livelli del sistema sanitario e la definizione dei limiti all'utilizzo dei contratti di lavoro temporaneo.

Rispetto all'altra questione nodale riguardante la riforma dell'Ue e dell'euro, Cdu-Csu e Spd hanno concordato in linea di principio con le proposte di Emmanuel Macron, in particolare quella connessa alla creazione di un bilancio comunitario sotto il controllo di un ministro delle finanze europeo.

Non è che la Germania avesse molte altre alternative in questa fase di offuscamento della statura internazionale di Angela Merkel come leader europeo. Sebbene risultasse prima nei sondaggi di settembre 2017, la Cdu ha infatti segnato la peggior performance dal secondo dopoguerra. Era il 1949. Probabilmente il cancelliere ha pagato a caro prezzo la scelta di aprire le porte della Germania a 1 milione di migranti e rifugiati nel 2015. Come testimonia l’ascesa della formazione di estrema destra Afd.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com