Colpo di scena: il controllo sulla Brexit passa al Parlamento

Nuovo colpo di scena: passa al Parlamento il controllo sulla Brexit

Nuova puntata dello psicodramma britannico. È arrivata l’ennesima sconfitta per Theresa May. Lunedì 26 marzo è passato con 329 voti favorevoli e 302 contrari l’emendamento Letwin (un parlamentare conservatore) che consente alla Camera dei Comuni britannica di strappare il timone alla premier sulla Brexit nei prossimi giorni di dibattito e di voti sull’uscita del Regno Unito dall’Ue.

Ciò significa che il Parlamento avrà la libertà di organizzare votazioni in aula su possibili piani alternativi a quello May – già ripetutamente bocciato - aprendo uno scenario inedito. Non a caso secondo la premier crea un “pericoloso precedente”, perché in genere nel Parlamento britannico è l’esecutivo a decidere cosa viene messo ai voti. Da lunedì scorso non è più così.

L'ennesimo duro colpo per May e il suo governo, che perde tre membri favorevoli all'emendamento Letwin. Si tratta del sottosegretario al Business Michael Harrington, quello agli Esteri Benn e quello alla Salute Brine.

Nonostante tutto, Theresa May, irriducibile, va avanti. Ma la (nuova) fine, ovvero il 12 aprile, si avvicina e se entro quella data non ci sarà un accordo, si dovrà chiedere all'Europa un ulteriore rinvio oppure si uscirà senza accordo. Con tutte le pesantissime conseguenze già paventate.

Fonte

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com