Regno Unito: “Dal 2021 entra solo chi parla inglese e ha un lavoro qualificato”

Il piano illustrato dal ministro dell’Interno. Dal 2021 parte il sistema a punti. Corsia preferenziale per scienziati, laureati, operatori del servizio sanitario nazionale e quelli del settore agricolo

Londra: “Dal 2021 entra solo chi parla inglese e ha un lavoro qualificato”

Non sai parlare inglese e non sei ‘abbastanza’ qualificato? Allora niente visto. Corsia preferenziale, invece, per scienziati, ingegneri e accademici. Un sistema a punti che valuterà le competenze e darà la precedenza a chi arrivi con un’offerta di lavoro o accademica. I dettagli sono stati illustrati dal ministro dell’Interno britannico, Priti Patel.

Il Regno Unito si prepara dal 2021 a limitare gli ingressi, dopo la fine della transizione post Brexit, ai nuovi immigrati con un modesto livello di conoscenza della lingua inglese e “a bassa qualificazione”. Le nuove regole valgono anche per gli europei (con una piccola differenza a favore di quest’ultimi).

Le offerte di lavoro per gli immigrati dovranno garantire uno stipendio superiore a 30.800 euro l’anno. Le modifiche entreranno in vigore il 1 gennaio 2021, dopo la fine del periodo di transizione, durante il quale il Regno Unito continuerà a mantenere la libera circolazione delle persone per i cittadini dell’Ue.

Secondo Patel, le imprese potranno contare ancora sugli oltre 3 milioni di cittadini Ue che già lavorano nel Regno (non toccati dalle nuove regole). Per il resto dovranno “abbandonare la ricerca del lavoro a basso costo” degli immigrati, investendo piuttosto nello sviluppo di “tecnologie per l’automazione”.

Fonte

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com