Scotxit, Edimburgo ci riprova: un altro referendum per l’indipendenza da Londra

Dopo quella del 2014, la premier scozzese Nicola Sturgeon vuole un’altra consultazione popolare per staccarsi dal Regno Unito

Scotxit, Edimburgo ci riprova: un altro referendum per l’indipendenza

La premier di Edimburgo torna a chiedere un nuovo referendum sull’indipendenza della Scozia: “Bisognerà farlo l’anno prossimo – spiega Nicola Sturgeon - appena si insedierà il nuovo Parlamento locale”.

Il riferimento è alle elezioni che si terranno il prossimo maggio. E il Partito nazionale scozzese e pro indipendenza “Snp” (quello appunto di Sturgeon) è dato per favorito. In caso di vittoria la richiesta di un nuovo referendum dopo quello del 2014 (vinto dagli “unionisti” con il 55%) diventerebbe sempre più pressante per il governo di Boris Johnson. Ma per Londra il tema non è neanche sul tavolo. Il referendum del 2014 valeva “per una generazione” e quindi rifarlo dopo pochi anni per Johnson non ha senso.

Il problema però è una nuova variabile: la Brexit, la cui concretizzazione è imminente (31 dicembre). La Scozia è il paese più europeista del Regno (oltre il 60% nel referendum sull’uscita dall’Ue del 2016 votò per la permanenza in Europa) e Sturgeon vuole un’altra consultazione sull’appartenenza al Regno Unito. I sondaggi sembrano darle più ragione.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com