Amazon, Bezos denuncia tentativo di estorsione

Il conflitto tra l'uomo più ricco del mondo e quello più potente a livello globale prosegue: un tabloid sarebbe in possesso di foto intime del fondatore di Amazon, Jeff Bezos, che denuncia un complotto e punta il dito, pur senza nominarlo, contro Donald Trump

Amazon, Bezos denuncia tentativo di estorsione

Un conflitto tra l'uomo più ricco del mondo e quello più potente a livello globale. L'ultimo capitolo di questa vicenda riserva una sorpresa clamorosa: foto intime del fondatore, nonché azionista di controllo e chief executive di Amazon, Jeff Bezos, con una presentatrice di Fox News, Lauren Sanchez. Le immagini sarebbero possedute da un tabloid specializzato negli scandali che gli ha già distrutto la vita matrimoniale e ora lo sta ricattando. Bezos denuncia un complotto e punta il dito, pur senza nominarlo, contro Donald Trump.

I problemi tra i due sono iniziati dalla candidatura alla Casa Bianca dell'attuale presidente Usa. Bezos ha acquistato il quotidiano che fece cadere Richard Nixon ai tempi del Watergate, il Washington Post, che nel tempo è diventato sempre più aggressivo contro Trump che più volte ha minacciato ritorsioni. E la possibilità di indagini fiscali, ma senza alcun risultato.

È lo stesso Bezos che in un gesto di autodifesa fa sapere tutto di quelle foto a luci rosse. È evidente che il National Enquirer (il tabloid in questione) era già sulle orme di quella relazione quando Bezos e la moglie annunciarono il divorzio. Il che potrebbe aumentare il conto del già costosissimo divorzio.

Il ricatto verso Bezos potrebbe essere di altra natura: una vendetta dell’Arabia Saudita, in seguito alle inchieste compromettenti sul regime di Riad realizzate dal Washington Post. L'intrigo internazionale si potrebbe allargare.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com