Il governo Usa chiede aiuto all'Italia sul Russiagate

Il viaggio nel nostro paese del ministro della Giustizia statunitense William Barr ha anticipato di poche ore la visita in Italia del segretario di Stato Mike Pompeo. Intanto gli Usa mettono sotto protezione la talpa della telefonata di Trump

Il governo chiede aiuto all'Italia sul Russiagate
Il ministro della Giustizia statunitense, William Barr

Il ministro della Giustizia statunitense, William Barr, ha chiesto all’Italia di aiutare l’amministrazione Trump a fare chiarezza sulle origini del Russiagate e, in particolare, sull’operato di Fbi e Cia nelle elezioni del 2016. Un’inchiesta con la quale Donald Trump si augura di “screditare” le indagini dell’ex procuratore speciale Robert Mueller. Secondo quanto riportano il New York Times e il Washington Post, Barr nei giorni scorsi sarebbe stato in Italia, dove avrebbe incontrato alcuni alti funzionari dello Stato e chiesto al nostro paese assistenza sull’indagine condotta da John Durham, il procuratore del Connecticut chiamato a fare chiarezza proprio sulle origini del Russiagate e a stabilire se la raccolta di informazioni dell’Fbi nel 2016 sulla campagna elettorale di Donald Trump sia stata appropriata.

Il viaggio in Italia di Barr ha preceduto quello di Mike Pompeo (atteso a Roma). Proprio il segretario di Stato è nel mirino per aver partecipato alla telefonata fra Trump e il leader ucraino, Volodymyr Zelensky, quella al centro dell’avvio dell'indagine per un possibile impeachment del presidente.

Intanto, la talpa della telefonata tra Trump e Zelensky è sotto protezione delle Autorità federali, che ne temono per la sicurezza.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com