Gli Usa bruciano per George Floyd

La Guardia nazionale attivata in una decina di Stati. Appello di Biden: “Giusta la protesta ma non la violenza”

Il paese brucia per George Floyd

Non accenna a placarsi la protesta negli Usa per l’uccisione dell’afroamericano George Floyd da parte dell’agente di polizia Derek Chauvin. Una decina di Stati ha mobilitato la Guardia nazionale e indetto il coprifuoco in 25 città.

Alle cinque, ora italiana, è entrato in vigore il coprifuoco a Washington. Poco prima migliaia di persone si erano radunate davanti alla Casa Bianca. L’edificio è blindato dal Secret service e dalla Guardia nazionale.

Già venerdì sera gli agenti avevano portato il presidente Donald Trump in un bunker sotterraneo della Casa Bianca per quasi un’ora, quando la protesta si era infiammata davanti alla presidenza.  

Quello di Floyd è stato un “omicidio premeditato” dice Benjamin Crump, l’avvocato della famiglia, visto che Chauvin ha tenuto premuto il ginocchio sul collo di Floyd per 9 minuti.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com