La doppia crisi del petrolio e del Covid-19. Eni, utili nel 1° trimestre: -94%

L’ad Descalzi, che ha appena incassato la conferma dell’azionista Mef per un nuovo mandato: “Periodo peggiore da 70 anni, ma business resiliente”

La doppia crisi del petrolio e del Covid-19. Eni, utili trimestrali: -94%

Eni chiude i risultati del primo trimestre scontando il combinato disposto della crisi economica provocata dall’emergenza coronavirus e dal crollo del prezzo del greggio che si è ridotto del 60% in due settimane. 

Così i numeri approvati dal cda del gruppo guidato da Claudio Descalzi riflettono questo duplice impatto: l’utile netto adjusted è di 59 milioni, in calo del 94% rispetto al 2019.

“Il periodo che stiamo vivendo - è il commento dell’ad Claudio Descalzi che ha incassato nei giorni scorsi la conferma dell’azionista Mef per un nuovo mandato - è per l’economia mondiale il più complesso degli ultimi 70 anni e oltre. Per l’industria energetica, e in particolare per l’oil & gas, la complessità è ancora maggiore dato il sovrapporsi della pandemia al crollo del prezzo del petrolio.”

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com