Ferrari integra il ‘Premio Competitività’: sale a 7.500 euro per ogni dipendente

La Casa di Maranello, anche in tema di ‘welfare aziendale’, offre un modello da seguire

Ferrari integra il ‘Premio Competitività’: sale a 7.500 euro

“Ferrari continua a investire per rafforzare il suo sistema di welfare aziendale, riconoscendo e valorizzando il contributo delle proprie persone anche in un anno complesso per la pandemia da Covid-19”. E quindi il gruppo di Maranello ha condiviso con le organizzazioni sindacali italiane firmatarie dell’Accordo sul Premio di Competitività, basato su indicatori di performance aziendale, un’integrazione del Premio per il 2020 pari a Euro 2.100 lordi con erogazione prevista per il prossimo mese di aprile, che porta il valore complessivo conseguibile da ogni dipendente a 7.526 euro.

Il Gruppo scatta poi una fotografia della struttura. Il personale è aumentato nel 2020 del 6,3% a oltre 4.500 unità nel mondo, proseguendo così la crescita degli anni scorsi. Per quanto riguarda il 2021 si registra già l’inserimento di 50 nuovi addetti nello stabilimento di Maranello.

Per Ferrari l’attenzione alle persone significa aver cura anche dell’accrescimento delle loro competenze. Durante il 2020 Ferrari ha erogato, nel rispetto della normativa anti-contagio, oltre 63.000 ore di formazione ai dipendenti, in gran parte da remoto, in crescita di circa l’11% rispetto alle 57.000 ore del 2019.

Nonostante le difficoltà causate dalla pandemia, anche lo scorso anno Ferrari ha organizzato il Centro Estivo per oltre 330 figli di dipendenti e ha rimborsato il costo dei libri scolastici per i figli di circa 700 dipendenti, oltre a erogare 57 borse di studio per gli studenti più meritevoli.

Nel 2020 il progetto Formula Benessere ha garantito, in una fase in cui diverse strutture sanitarie hanno limitato o sospeso le attività, oltre 1.100 visite specialistiche per i lavoratori. Grazie al Progetto Formula Benessere Junior, oltre 650 bambini figli dei dipendenti sono stati sottoposti a un check-up medico che comprende oltre 10 visite specialistiche.

Infine, è stato introdotto ‘Al Posto Tuo’: un nuovo servizio offerto a tutti i dipendenti che possono accedere a un service point per il disbrigo delle loro incombenze burocratiche.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Presi per il PIL

“Preferisco avere addetti felici che salire ogni giorno su una Ferrari e lasciarmi alle spalle dipendenti frustrati”

Marco Piccolo è fondatore e Ceo della Reynaldi: “Sono convinto che il profitto non sia un obiettivo primario, ma è un effetto naturale per un’azienda che vuole produrre valore oltre a oggetti e servizi. La fabbrica lavora su un turno solo. Il che garantisce più tempo libero ai miei collaboratori e ci spinge ad avere un’organizzazione più efficiente”. L’imprenditore ha deciso di distribuire il 30% degli utili ai dipendenti. [continua ]

Corporate

Delocalizzazioni, la fuga all’estero delle imprese francesi

Dal 1980, la quota dell’industria nel Pil francese è diminuita di 10 punti, raggiungendo il 13,4% del valore aggiunto nel 2018. E il ‘peso’ dell’occupazione industriale sul totale è passato dal 25% nel 1974 al 10% nel 2018. [continua ]

Corporate
Alessandra Galloni è il nuovo direttore di Reuters

Agi

Alessandra Galloni è il nuovo direttore di Reuters

Corporate
Vw taglia 5 mila posti di lavoro. E punta a sorpassare Tesla

Volkswagen taglia 5 mila posti di lavoro. E punta a sorpassare Tesla

Corporate
Dai vaccini anti Covid 50 mld di fatturato nel 2021 per ‘Big Pharma’

quoted business

Dai vaccini anti Covid 50 miliardi di fatturato nel 2021 per ‘Big Pharma’

Corporate

quoted business

La vita offshore di Flavio Briatore

Soci sauditi e società nei paradisi fiscali per l’ex manager di Formula 1. E intanto con la pizza il fatturato va in fumo: ancora problemi, stavolta di bilancio, per la catena di locali di Briatore Pizza Crazy. In particolare è la società inglese quella che determina più problemi. [continua ]

Corporate

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com