Eni nega gli extra profitti sul gas

Da dove viene il boom dell’utile semestrale (+700%)? Il cfo di Eni: “Dalle vendite all’estero di petrolio e gas come produttore. In Italia, in 7 anni, persi 20 mld e altri 600 mln a livello operativo nel primo semestre del 2022. Il sistema Italia non ha generato finora extra profitti ma perdite ricorrenti”

Eni nega gli extra profitti sul gas

“Un’addizionale sul profitto è ragionevole, ma è necessaria una base imponibile trasparente, chiara e facilmente rappresentabile verso l’esterno”. Eni rompe il silenzio sugli extra profitti e lo fa, con il cfo Francesco Gattei in un’intervista al Sole24Ore, nel giorno in cui il gruppo ha aggiornato l’ammontare del prelievo deciso dal governo Draghi. Non più 550 milioni, ma 1,4 miliardi.

I milioni frutti del ricalcolo cosa sono? Sono figli di operazioni Iva in cui non possiamo collegare analiticamente agli attivi i passivi derivanti dall’acquisto di gas. E non sono necessariamente operazioni fatte in Italia.

Il semestre si è chiuso con un boom di utili (+700%). Come lo spiega? Gran parte di quel risultato Eni l’ha fatto vendendo all’estero petrolio e gas come produttore. Poi, certo, vendiamo gas anche in Italia e in Europa, ma la fetta maggiore di quel gas l’acquistiamo a prezzi indicizzati in gran parte al Ttf.

Sta dicendo che i vostri contratti sono in perdita? I contratti gas di fornitura prevedono clausole di rinegoziazione periodica che hanno trasformato la tradizionale formula con prezzi agganciati a quello del petrolio, legandola agli hub europei. Se non fosse stato così, avremo perso miliardi.

Quindi l’Eni non fa extra profitti sul gas? No, basta guardare alla nostra ultima semestrale: la divisione Ggp (Global Gas & Lng Portfolio) è a breakeven dopo aver beneficiato nel primo trimestre di una rinegoziazione contrattuale. La raffinazione, invece, è andata molto bene.

Ha detto che il grosso degli utili è sull’estero. E in Italia? Dal 2014 al 2021, a livello operativo, Eni ha perso in Italia 11 miliardi perché la raffinazione era in perdita, come la chimica, la produzione gas e la società di bonifica. Poi, se aggiungiamo anche gli oneri finanziari e le svalutazioni, le perdite salgono a 20 miliardi. E, nel primo semestre, Eni Italia SpA ha perso a livello operativo quasi 600 milioni. Il sistema Italia, dunque, non ha generato finora extra profitti ma perdite ricorrenti.

Gli attuali livelli di prezzo sono tutta colpa della Russia? La guerra è una variabile ma non è l’unica causa. Sul gas, la situazione era esplosa già prima. L’offerta si è ridotta proprio mentre il rimbalzo post covid rilanciava la domanda.

Stiamo soppiantando via via il gas russo, ma l’effetto sui prezzi non si vede. Perché? Siamo in un mercato unificato a livello europeo per cui se il sistema tutto ha dei punti di fragilità - come la forte dipendenza della Germania dalla Russia e la minore capacità di diversificazione -, la dinamica di quei punti si scarica sul prezzo e il prezzo si replica in tutti gli hub.

Dovremo dire addio alla transizione energetica? Assolutamente no. La transizione energetica non è semplicemente l’abbattimento delle emissioni del sistema energetico, ma è un abbattimento che deve assicurare un sistema energetico sicuro, diversificato e sostenibile anche economicamente.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Via libera del G7 al tetto al prezzo del petrolio russo. Von der Leyen: ”Ora anche sul gas”. Mosca: “Stop alle forniture”

La misura dovrebbe diventare efficace dal 5 dicembre per il greggio e dal 5 febbraio per i prodotti raffinati. Ma i livelli dei prezzi non sono stati ancora fissati. Il vice premier russo avverte: “Stop alle forniture di petrolio a chi impone il price cap”. Il portavoce del Cremlino: “Un tetto al prezzo destabilizzerà il mercato”. La Germania non sembra convinta. Scholz: “Per la Germania sarebbe poco responsabile rinunciare al gas russo” [continua ]

Economia
Gas, perché ha guadagnato il 100% in un mese mentre il petrolio è sceso
quoted business

Gas, perché ha guadagnato il 100% in un mese mentre il petrolio è sceso sotto i 100 dollari

Energie & Risorse

Non solo gas e petrolio. Quella stretta dipendenza tra il colosso russo Rosatom e l’industria atomica europea, in particolare francese

Chi ha deciso che gas e nucleare sono sostenibili: l’Ue o la Russia? Tre colossi della Federazione (Gazprom, Lukoil e Rosatom) hanno portato avanti un’estenuante attività lobbying per far includere gas e nucleare nella tassonomia verde. [continua ]

Strategie & Regole
Stop all’import di petrolio e gas russi

Usa, stop all’import di petrolio e gas russi

Global
Gas, azzerate le forniture russe all’Italia. Ma ne esportiamo 18 mln di mc

Gas, azzerate le forniture russe all’Italia. Ma ne esportiamo 18 milioni di metri cubi al giorno

Corporate
Gas, Eni entra nel più grande progetto al mondo di Gnl

Gas, Eni entra nel più grande progetto al mondo di Gnl

Corporate

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com