Bayer chiude il 2020 in rosso di 10,5 mld: colpa del glifosato e delle svalutazioni

Il colosso chimico-farmaceutico tedesco attende la sentenza Usa su un nuovo patto per il Roundup (l’erbicida che secondo alcuni studi può causare il cancro) entro fine marzo. Il titolo perde il 4%

Bayer in rosso di 10,5 mld: colpa del glifosato e delle svalutazioni

Il colosso chimico-farmaceutico tedesco Bayer chiude in rosso di 10,5 miliardi di euro il 2020, contro un utile di 4,1 mld nel 2019. I ricavi restano stabili a 41,4 mld, grazie alla forte domanda di prodotti per la salute e per l’igiene, connessa alla pandemia.

Sui conti pesano gli effetti valutari negativi e i maxi-risarcimenti versati negli Usa per chiudere le vertenze legate all’erbicida di Monsanto Roundup. Il titolo di Bayer al Dax perde il 4% e trascina giù il Dax a Francoforte.

Il principale ingrediente dell’erbicida è il glifosato, che per il gruppo con sede a Leverkusen è sicuro mentre secondo altre ricerche può causare il cancro.

Anche la crisi del coronavirus ha lasciato il segno nei conti del gruppo, con le vendite di farmaci in diminuzione poiché la pandemia ha portato a un rinvio dei trattamenti non urgenti. L’impatto negativo è stato tuttavia compensato in parte dalla crescente domanda per il fluidificante del sangue (Xarelto).

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com