Ferrero acquista i biscotti Kellogg per 1,3 mld

Ferrero acquista i biscotti Kellogg per 1,3 mld

La multinazionale statunitense deve la propria fama ai cornflakes che da oltre cento anni rappresentano il distintivo marchio di fabbrica. Ma nel tempo Kellogg ha cercato di diversificare i propri ricavi acquisendo altri marchi.

Due di questi, Keebler e Famous Amos, meno conosciuti in Italia e che producono sopratutto i tradizionali cookies al cioccolato, saranno acquisiti da Ferrero nell’ambito di un’operazione da 1,3 miliardi di dollari.

Il gruppo piemontese ha battuto la concorrenza dell'americana Hostess Brands.

Articoli correlati

Ferrero acquisisce per 2,8 mld di dollari gli snack Nestlé US

Ferrero acquisisce per 2,8 mld di dollari gli snack Nestlé negli Stati Uniti, dove diventa il terzo produttore

Corporate
Ferrero vicino all'acquisto delle barrette Nestlè

Ferrero vicino all'acquisizione delle barrette Nestlè US. Diventerebbe il terzo player degli Stati Uniti

Corporate

General Electric sotto accusa: "Nascoste perdite per 38 mld"

I conti di General Electric, una delle più importanti multinazionali Usa, potrebbero essere stati truccati, occultando perdite per 38 miliardi di dollari. L'allarme arriva da un report firmato da Harry Markopolos (l'investigatore che ha portato alla luce il piano Ponzi di Bernie Madoff), secondo cui il colosso statunitense avrebbe necessità di incrementare le sue riserve di 28,5 mld per ripianare le perdite nascoste. [continua ]

Corporate

Panini, l'impero delle figurine è in vendita

Dal 1954 è sinonimo di figurine dei calciatori in tutto il mondo. Ma stampa anche le strisce di Topolino e dei fumetti Marvel. Per il Gruppo Panini è ora giunta dagli Usa un'offerta di acquisto per rilevare il pacchetto azionario dall'italo-argentino Aldo Hugo Sallustro, attuale amministratore delegato, e dalla famiglia bolognese Baroni. Lo riporta la Gazzetta di Modena, secondo cui gli americani sarebbero pronti a mettere sul tavolo un'offerta importante. [continua ]

Corporate
Cambridge Analytica, stangata da 5 miliardi su Facebook

Cambridge Analytica, stangata da 5 miliardi su Facebook

Corporate
Tesla, finalmente un trimestre sopra le attese

Tesla, finalmente un trimestre sopra le attese

Corporate

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com