Le imprese cinesi silenziosamente lasciano il mercato russo

Le esportazioni cinesi in Russia sono crollate del 27% da febbraio a marzo. Nella computeristica diminuzione del 40% dell’export. Aumentano il timore delle sanzioni e la pressione degli Usa nella seconda economia globale

Le imprese cinesi lasciano silenziosamente la Federazione

Le società tecnologiche cinesi si starerebbero ritirando silenziosamente dal fare affari in Russia sotto la pressione delle sanzioni e dei fornitori statunitensi, nonostante le richieste di Pechino alle aziende di resistere alla coercizione dell’Occidente. A sostenerlo è il Wall Street Journal, secondo cui alcune grandi aziende cinesi stanno riducendo le spedizioni in Russia, dove le aziende tecnologiche di Pechino dominano il mercato per molti prodotti, senza tuttavia dare pubblicità alla decisione.

Tra le più importanti, il gigante della computeristica Lenovo e il colosso degli smartphone Xiaomi. Silenziosamente, senza fare grande annunci e gradualmente da inizio guerra, hanno ridotto la loro presenza sul mercato russo. Ad esempio, tra febbraio e marzo, le esportazioni verso la Russia di computer portatili sono diminuite di più del 40% mentre quelle di smartphone sono scese di circa due terzi (secondo i dati ufficiali). Il mercato cinese ha subito una forte scossa proprio dalla pandemia e l’onda di ritorno delle sanzioni imposte dagli Stati Uniti e dall’Europa ha portato le imprese cinesi a infrangere le regole dettate da Pechino.

Intanto le maggiori aziende americane fornitrici di componenti chip alle imprese cinesi stanno premendo per essere sicure che i loro semiconduttori non finiscano, come terze parti nei prodotti esportati in Russia e quindi in violazione delle sanzioni. Nel frattempo, il ministero del Commercio cinese ha invitato le imprese a “non sottomettersi alle coercizioni esterne”. Ma le esportazioni cinesi in Russia sono crollate del 27% da febbraio a marzo. In Aprile – ha spiegato il segretario al Commercio statunitense, Gina Raimondo - le importazioni russe di prodotti di alta tecnologia, grazie alle sanzioni, sono state tagliate di circa il 50% e hanno lasciato la Russia con un magazzino ridotto di semiconduttori e in difficoltà nella ricerca di parti di ricambio in ambito militare.

Secondo Steve Brazier, a capo di Canalys (azienda leader nel mercato tecnologico), se le società di computer cinesi fossero escluse da un fornitore chiave di chip “sarebbe una catastrofe e capite perché loro non hanno nessun motivo e intenzione di finire così”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Brics versus Bricasi

Brics, Argentina e Iran verso il blocco formato da Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa

Global
quoted business

La guerra in Ucraina prosegue. Ursula von der Leyen: “Le sanzioni europee alla Russia resteranno. Putin fallirà”

Sul fronte energetico, l’Ue punta a raccogliere 140 miliardi di euro dal tetto ai ricavi delle società energetiche. [continua ]

Ue
Strategie & Regole

La narrativa secondo cui l’Occidente è nobile mentre Russia e Cina sono malvagie è ingenua e pericolosa

Dal 1980 gli Usa sono stati coinvolti in almeno 15 guerre all’estero; nessun coinvolgimento invece per la Cina e ‘solo’ 1 per la Russia. La paura nei confronti di Pechino e Mosca viene venduta al pubblico occidentale attraverso la manipolazione dei fatti. Al centro c’è il tentativo degli Stati Uniti di rimanere la potenza egemonica mondiale. Ma Washington può contare ‘soltanto’ sul 4,2% della popolazione mondiale e sul 16% del Pil globale. [continua ]

Global

Le sanzioni contro la Russia fanno volare il carbone sudafricano

Le esportazioni della fonte fossile più sporca della prima economia africana verso l’Europa sono aumentate di circa il 720% nel primo semestre del 2022 rispetto allo stesso periodo del 2021. [continua ]

Energie & Risorse
Le imprese italiane stanno aggirando le sanzioni contro la Russia?

Le imprese italiane stanno aggirando le sanzioni contro la Russia?

Global
Le sanzioni alla Russia sono già state di fatto allentate
quoted business

Le sanzioni alla Russia sono già state allentate 3 volte (anche se nessuno vuole ammetterlo)

Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com