Il decreto "dignità" ha le lobby contro

Il decreto "dignità" ha le lobby contro. Qualcuno ha modificato la relazione tecnica la notte prima che si inviasse al presidente della Repubblica.

Luigi Di Maio, ministro del Lavoro e dello Sviluppo

Visto da qb

"Fare pulizia" al ministero dell'Economia. È l'intento annunciato da fonti M5s, dopo la vicenda della relazione tecnica al decreto legge "dignità". Il dato "spuntato nella notte" sugli 8 mila posti di lavoro (che il decreto causerebbe) viene ritenuto un episodio "gravissimo": il sospetto è che ci siano responsabilità di uomini vicini alla squadra dell'ex ministro Pd Padoan. E l'idea è uno spoil system per "togliere dai posti chiave chi mira a ledere l'operato di governo e M5s.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com