Boeri contro il governo Conte: "Aumentare la spesa per le pensioni non aumenta la crescita"

Boeri: "Aumentare la spesa per le pensioni non aumenta la crescita"
Il presidente dell'Inps, Tito Boeri

"Non è aumentando la spesa pensionistica che si può far crescere l'economia del nostro paese, è esattamente il contrario". È l'attacco frontale sferrato dal presidente dell'Inps alla manovra del governo Conte.

Secondo l’idea di Tito Boeri, l'aumento dello spread porta alla riduzione dei rendimenti di molti fondi pensione. E, a sua volta, significa pensioni più basse per molti lavoratori e in prospettiva una situazione di maggiore difficoltà per la crescita, con minori possibilità di finanziamenti e liquidità per le imprese.

Pertanto, "se l’obiettivo è tutelare il potere di acquisto dei pensionati - ha aggiunto l'economista - bisogna pensare a misure di crescita che assegnino maggiore importanza al lavoro e all'aumento della produttività".

Risorse finanziarie a inattivi e disoccupati? È un errore, così la pensa il presidente dell’Inps: "Trasferire risorse a chi non lavora è un percorso sbagliato”. Invece, ci vuole più occupazione. Ecco allora che la via maestra sarebbe allora quella di alleggerire gli oneri su chi lavora. Ma, per Boeri, il governo si sta muovendo nella direzione opposta: “Triplicare l'afflusso di chi va in pensione e di chi non lavora, significa colpire la fiscalità generale. Tutto ciò aumenta la spesa generale e diminuisce i contributi".

Inoltre, dato che l’economia non è aritmetica ma una scienza, non c’è alcun automatismo tra pensione e lavoro. Il presindente dell'Inps ha chiarito che “per una persona che va pensione non è detto che un’altra entri nel mercato del lavoro. Anzi, la storia insegna che più prepensionamenti si traducono in una maggiore disoccupazione giovanile.”

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com