Lavoro, ridurre l'orario per aumentare l'occupazione

La proposta è del nuovo presidente dell’Inps, Pasquale Tridico: "Ultima riduzione nel 1969, sarebbe leva per redistribuire ricchezza"

Lavoro, ridurre l'orario per aumentare l'occupazione
Pasquale Tridico

Lavorare meno, lavorare tutti. Guarda a uno degli slogan più noti degli anni '60 e '70 il neo presidente dell'Inps Pasquale Tridico.

In una lezione sulle diseguaglianze nel capitalismo finanziario alla facoltà di economia della Sapienza, Tridico ha infatti sottolineato che "la riduzione dell'orario di lavoro, a parità di salario, è una leva per ridistribuire ricchezza e aumentare l'occupazione”.

Tridico, poi, offre una spiegazione: “Siamo fermi in Italia all'ultima riduzione dell'orario dal 1969 e ora andrebbe fatta. Gli aumenti di produttività vanno distribuiti o con salario o con un aumento del tempo libero. In quest'ultimo caso aumenterebbe l'occupazione".

Presi per il PIL

L’idea è indubbiamente affascinante. Lo è un pò meno constatare che il ricorso sistematico alle stesse idee sembra denunciare l’assoluta carenza di nuovi concetti.

Lascia piuttosto perplessi anche la spiegazione del ragionamento fornita da Tridico. Se l’obiettivo è aumentare l’occupazione ciò non accadrà riducendo l’orario di lavoro, sebbene possa sembrare controintuitivo. Se, invece, l’obiettivo è migliorare la qualità della vita dei cittadini facendoli lavorare meno, allora se ne può parlare ma il paese ha ora altre urgenze.

Tra queste, quella di aumentare la produttività, che negli ultimi anni è cresciuta pochissimo. Il che ci porta dritti al secondo errore di Tridico. Anche volendo, la dinamica della produttività è proprio uno dei talloni d’Achille dell’economia italiana.

Ha, invece, ragione il neo presidente dell'Inps quando sostiene che la riduzione dello stato sociale, dell'occupazione pubblica e dell'intervento dello Stato nell'economia non conduce verso una maggiore crescita.

Fonte

Articoli correlati

Poca R&S, occupati a bassa formazione e produttività ferma. Come uscirne?

Modesta R&S, occupazione poco qualificata e produttività stagnante. Come uscirne?

Jobs & Skills
Disoccupazione, nuovo record. Mai così bassa dal 1977

Disoccupazione, nuovo record. In Italia mai così bassa dal 1977

Jobs & Skills

quoted business

40enni precari? Pensione solo a 73 anni

In pensione ma non prima dei 73 anni. È ciò che capiterà a molti quarantenni. L’allarme è stato lanciato dalla Cgil che ha analizzato la situazione di coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il 1996 e, dunque, vedono il proprio assegno calcolato integralmente con il metodo contributivo. Il problema riguarda soprattutto i lavoratori precari. [continua ]

Jobs & Skills

Bbc

La produttività ristagna e i lavoratori britannici perdono 5 mila sterline l'anno

Il deludente andamento della produttività nel Regno Unito sta “costando” ai lavoratori del settore privato una media di 5 mila sterline l'anno in termini di minori guadagni. La stima è dell’Office for National Statistics. La quantità prodotta per ora di lavoro ha rallentato da quando la crisi finanziaria si è tradotta in una crescita stagnante dei salari. E il primo trimestre 2019 è stato il terzo consecutivo di crescita negativa rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. [continua ]

Jobs & Skills
C’è più lavoro, ma è senza qualità

C’è più lavoro, ma è senza qualità

Jobs & Skills

quoted business

Salario minimo a 9 euro: 4,3 mln di lavoratori sotto la soglia

Sotto la soglia di 9 euro - il livello lordo cui, secondo la proposta del M5s, si dovrebbe collocare il salario minimo - si trova il 28,9% dei rapporti di lavoro. Che in termini assoluti diventano 4,3 milioni. Sono i dati presentati dal vicedirettore dell'Inps, Ferdinando Montaldi, nel corso di un'audizione alla Camera sulle risoluzioni in materia di retribuzione minima oraria. [continua ]

Jobs & Skills

Presi per il PIL

L’idea è indubbiamente affascinante. Lo è un pò meno constatare che il ricorso sistematico alle stesse idee sembra denunciare l’assoluta carenza di nuovi concetti.

Lascia piuttosto perplessi anche la spiegazione del ragionamento fornita da Tridico. Se l’obiettivo è aumentare l’occupazione ciò non accadrà riducendo l’orario di lavoro, sebbene possa sembrare controintuitivo. Se, invece, l’obiettivo è migliorare la qualità della vita dei cittadini facendoli lavorare meno, allora se ne può parlare ma il paese ha ora altre urgenze.

Tra queste, quella di aumentare la produttività, che negli ultimi anni è cresciuta pochissimo. Il che ci porta dritti al secondo errore di Tridico. Anche volendo, la dinamica della produttività è proprio uno dei talloni d’Achille dell’economia italiana.

Ha, invece, ragione il neo presidente dell'Inps quando sostiene che la riduzione dello stato sociale, dell'occupazione pubblica e dell'intervento dello Stato nell'economia non conduce verso una maggiore crescita.

www.quotedbusiness.com