L’occupazione sale, ma le ore lavorate crollano

Dal livello pre-crisi recuperato il numero di occupati. Tuttavia le ore lavorate sono scese di 2,3 mld

L’occupazione sale, ma le ore lavorate crollano

Pur avendo recuperato il numero di occupati persi in questi anni, rispetto all’anno precrisi (2007), il monte ore lavorate in Italia è crollato di 2,3 miliardi (-5%).

E aver subito in modo maggiore questa caduta verticale non sono stati i lavoratori dipendenti, bensì gli autonomi. È quanto rileva la Cgia.

Se i primi, infatti, tra il 2007 e la fine del 2018 hanno avuto una contrazione delle ore lavorate pari a 121 milioni (-0,4%), i secondi hanno perso quasi 2,2 mld di ore (-14,4%).

Nei primi 9 mesi del 2019 (ultimo dato disponibile) la situazione appare, tuttavia, in via di miglioramento. Nel confronto con lo stesso periodo del 2018, autonomi e dipendenti hanno incrementato di 175 mln lo stock di ore lavorate (+0,5%).

Fonte

Articoli correlati

Si riduce la disoccupazione ma scendono anche le ore lavorate

Nel secondo trimestre dell'anno, l'Istat traccia - nei confronti del primo periodo del 2019 - una riduzione degli inattivi, cioè coloro che non hanno lavoro né lo cercano, con il tasso dei senza lavoro che scende al 9,9% e un leggero aumento dell'occupazione (+0,6%). Significa 130 mila occupati in più: salgono i dipendenti, sia a termine che permanenti, e in misura minore anche gli indipendenti. [continua ]

Jobs & Skills
Sindacati: blocco licenziamenti o sarà scontro sociale

Sindacati: blocco licenziamenti o sarà scontro sociale

Jobs & Skills
Boeri: “Proibire i licenziamenti non è una buona idea”

Boeri: “Il governo sbaglia. Continuare a proibire i licenziamenti non è una buona idea”

Jobs & Skills
Il 61% dei contratti collettivi è scaduto

Il 61% dei contratti collettivi è scaduto

Jobs & Skills

Italia, da febbraio persi 600 mila occupati

Da febbraio 2020 il livello dell’occupazione è sceso di circa 600 mila unità e le persone in cerca di lavoro sono diminuite di 160 mila, a fronte di un aumento degli inattivi di oltre 700 mila unità. Lo rileva l’Istat, proponendo il confronto con il periodo appena precedente all’esplosione della pandemia. A rendere il quadro ancora più nero è il Censis-Confcooperative. Con l’emergenza provocata dal Coronavirus sono 2,1 milioni in più le famiglie italiane a rischio povertà assoluta. [continua ]

Jobs & Skills

Annamaria Furlan: “La disconnessione è un diritto. Bisogna ripensare i contratti”

“Penso che lo smart working sia un’opportunità formidabile per coniugare produttività e benessere del lavoratore, buona flessibilità e sostenibilità ambientale e sociale, inclusione e conciliazione vita-lavoro”. A sostenerlo è il segretario generale della Cisl. Ma per fare questo occorre “restituire la materia alla contrattazione”, precisa Annamaria Furlan. [continua ]

Jobs & Skills

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com