Le ‘baby pensioni’ costano 7 miliardi l’anno

Italia: in totale sono quasi 562 mila le persone in pensione da almeno 40 anni

Le ‘baby pensioni’ costano 7 mld l’anno

Le cosiddette ‘baby pensioni’ costano alle casse dello Stato circa 7 miliardi di euro l’anno (pari allo 0,4 per cento del Pil nazionale). Lo sostiene la Cgia di Mestre.

Se si considerano coloro che hanno lasciato il lavoro prima della fine del 1980, il totale è pari a 562 mila persone. Di queste, oltre 386 mila sono costituite in massima parte da invalidi o ex dipendenti delle grandi aziende.

Alle due categorie sopraindicate si contano altri 104 mila ex lavoratori autonomi (oltre la metà proveniente dall’agricoltura) e 60 mila (pari al 10,6% del totale) ex dipendenti pubblici.

Sebbene queste 562 mila persone (446 mila donne e 115.840 uomini) si siano ritirate dal mercato del lavoro prima della fine del 1980, gli effetti economici di queste decisioni politiche - fa notare la Cgia - si fanno sentire ancora adesso.

Tra i baby pensionati - evidenzia l’indagine - sono i dipendenti pubblici ad aver lasciato il posto di lavoro in età più giovane (41,9 anni), mentre nella gestione privata l’età media della decorrenza della pensione à scattata dopo (42,7 anni). Attualmente, le persone che sono andate in quiescenza prima del 31 dicembre 1980 hanno un’età media di 87,6 anni.

Fonte

Articoli correlati

Sindacati: blocco licenziamenti o sarà scontro sociale

Sindacati: blocco licenziamenti o sarà scontro sociale

Jobs & Skills
Boeri: “Proibire i licenziamenti non è una buona idea”

Boeri: “Il governo sbaglia. Continuare a proibire i licenziamenti non è una buona idea”

Jobs & Skills
Il 61% dei contratti collettivi è scaduto

Il 61% dei contratti collettivi è scaduto

Jobs & Skills

Italia, da febbraio persi 600 mila occupati

Da febbraio 2020 il livello dell’occupazione è sceso di circa 600 mila unità e le persone in cerca di lavoro sono diminuite di 160 mila, a fronte di un aumento degli inattivi di oltre 700 mila unità. Lo rileva l’Istat, proponendo il confronto con il periodo appena precedente all’esplosione della pandemia. A rendere il quadro ancora più nero è il Censis-Confcooperative. Con l’emergenza provocata dal Coronavirus sono 2,1 milioni in più le famiglie italiane a rischio povertà assoluta. [continua ]

Jobs & Skills

Annamaria Furlan: “La disconnessione è un diritto. Bisogna ripensare i contratti”

“Penso che lo smart working sia un’opportunità formidabile per coniugare produttività e benessere del lavoratore, buona flessibilità e sostenibilità ambientale e sociale, inclusione e conciliazione vita-lavoro”. A sostenerlo è il segretario generale della Cisl. Ma per fare questo occorre “restituire la materia alla contrattazione”, precisa Annamaria Furlan. [continua ]

Jobs & Skills

Lavoro nero, non è solo una questione meridionale

In Italia la quota di occupazione irregolare dal 1995 al 2017 presenta un leggero andamento a U, con un brusco calo dal 2001 al 2003, dovuto alla più grande sanatoria degli immigrati irregolari, e una ripresa dal 2009 negli anni della grande recessione. Ma la risalita del lavoro nero non ha suscitano grande attenzione, benché l’Italia sia, con Spagna e Grecia, il paese dell’Europa occidentale con il tasso di irregolarità di gran lunga più alto. [continua ]

Jobs & Skills

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com