Annamaria Furlan: “La disconnessione è un diritto. Bisogna ripensare i contratti”

La segretaria Cisl: “Stop alle deroghe”

Furlan: “La disconnessione è un diritto. Bisogna ripensare i contratti”

“Penso che lo smart working sia un’opportunità formidabile per coniugare produttività e benessere del lavoratore, buona flessibilità e sostenibilità ambientale e sociale, inclusione e conciliazione vita-lavoro”. A sostenerlo è il segretario generale della Cisl. Ma per fare questo occorre “restituire la materia alla contrattazione”, precisa Annamaria Furlan.

“Bisogna uscire dall’ibrido di un lavoro delocalizzato che ha ben poco a che fare con il vero lavoro agile – spiega Furlan -. E considerare che la disconnessione è un diritto”.

Per fare dello smart working una reale opportunità, dunque, occorre ripensare i contratti, per fare sì che la produttività oraria media non diminuisca (a causa della dilatazione ‘incontrollata’ dell’orario di lavoro) e che la conciliazione tra i tempi professionali e quelli privati sia fattiva.

Fonte

Articoli correlati

Sindacati: blocco licenziamenti o sarà scontro sociale

Sindacati: blocco licenziamenti o sarà scontro sociale

Jobs & Skills
Boeri: “Proibire i licenziamenti non è una buona idea”

Boeri: “Il governo sbaglia. Continuare a proibire i licenziamenti non è una buona idea”

Jobs & Skills
Il 61% dei contratti collettivi è scaduto

Il 61% dei contratti collettivi è scaduto

Jobs & Skills

Italia, da febbraio persi 600 mila occupati

Da febbraio 2020 il livello dell’occupazione è sceso di circa 600 mila unità e le persone in cerca di lavoro sono diminuite di 160 mila, a fronte di un aumento degli inattivi di oltre 700 mila unità. Lo rileva l’Istat, proponendo il confronto con il periodo appena precedente all’esplosione della pandemia. A rendere il quadro ancora più nero è il Censis-Confcooperative. Con l’emergenza provocata dal Coronavirus sono 2,1 milioni in più le famiglie italiane a rischio povertà assoluta. [continua ]

Jobs & Skills
Le ‘baby pensioni’ costano 7 mld l’anno

Le ‘baby pensioni’ costano 7 miliardi l’anno

Jobs & Skills

Lavoro nero, non è solo una questione meridionale

In Italia la quota di occupazione irregolare dal 1995 al 2017 presenta un leggero andamento a U, con un brusco calo dal 2001 al 2003, dovuto alla più grande sanatoria degli immigrati irregolari, e una ripresa dal 2009 negli anni della grande recessione. Ma la risalita del lavoro nero non ha suscitano grande attenzione, benché l’Italia sia, con Spagna e Grecia, il paese dell’Europa occidentale con il tasso di irregolarità di gran lunga più alto. [continua ]

Jobs & Skills

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com