Sindacati: blocco licenziamenti o sarà scontro sociale

Cgil, Cisl e Uil hanno già indetto un’iniziativa per il 18 settembre: “Che possa essere trasformata in uno sciopero generale dipenderà solo dalle scelte di Governo e Confindustria”

Sindacati: blocco licenziamenti o sarà scontro sociale

“Se il Governo non prorogasse il blocco dei licenziamenti sino alla fine del 2020, si assumerebbe tutta la responsabilità del rischio di uno scontro sociale”. Così i segretari di Cgil Cisl e Uil Maurizio Landini, Annamaria Furlan, Pierpaolo Bombardieri.

Il blocco dei licenziamenti scade il 17 agosto. Si discute se prolungarlo fino al 15 ottobre o fino al 31 dicembre.

I tre leader sindacali hanno già indetto un’iniziativa per il 18 settembre: “Che possa essere trasformata in uno sciopero generale dipenderà solo dalle scelte del Governo e della Confindustria”.

Secondo il segretario generale della Cgil, “non vogliamo lo scontro. È il momento di coesione e responsabilità, ma anche da parte delle imprese”. Se si perde il treno degli aiuti dell’Ue – spiega Maurizio Landini a Repubblica – “non ci sarà un secondo tempo e tra qualche anno saremo fuori dall’Europa e in declino industriale”.

Ma secondo alcuni economisti, il prolugamento del divieto è un errore.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com