Bankitalia: “Cig e divieto hanno impedito 600 mila licenziamenti”. Il problema saranno i ‘cliff effects’

La Banca centrale: “Le stime suggeriscono che un’interruzione simultanea sia della Cig-Covid sia del blocco dei licenziamenti dovrebbe essere valutata con estrema cautela al fine di evitare possibili brusche cadute”. Il punto è questo: ciò che accadrà a primavera (quando verrà staccata probabilmente la spina della Cig) dipende dalle scelte di oggi. Sarà infatti impossibile immaginare che gli occupati attualmente in Cig potranno (tutti) tornare al lavoro…

Bankitalia: “Cig e divieto hanno impedito 600 mila licenziamenti”

Secondo una ricerca di via Nazionale, la cassa integrazione speciale per far fronte alla pandemia e il divieto ai licenziamenti economici ha consentito a 600 mila lavoratori a tempo indeterminato di non ritrovarsi a casa, o meglio a cercare “un nuovo impiego in un momento particolarmente difficile, soprattutto in caso di lockdown”.

Considerando l’impatto della pandemia, è ragionevole stimare che i licenziamenti del 2020 sarebbero stati 700 mila, di cui 200 mila dovuti al Covid e per circa 500 mila ‘fisiologici’.

L'intervento del governo ha però scongiurato questo numero. “L’ampia copertura garantita dalla CIG-Covid e dalle altre politiche avrebbe potuto prevenire la gran parte dei licenziamenti addizionali dovuti alla crisi da Covid-19 (circa 200 mila), mantenendo il numero di licenziamenti nel 2020 sui livelli dell’anno precedente anche a prescindere dalla normativa di blocco”, dice lo studio. Se alla cassa però si aggiunge l’effetto del blocco dei licenziamenti, la conclusione è che “l’insieme delle politiche del governo avrebbe pertanto impedito finora circa 600 mila licenziamenti”.

Le stime suggeriscono, inoltre, che un’interruzione simultanea sia della Cig-Covid sia del blocco dei licenziamenti dovrebbe essere valutata con estrema cautela al fine di evitare possibili brusche cadute (cliff effects). In prospettiva, quando il migliorare delle condizioni congiunturali lo consentirà, una rimozione graduale del blocco dei licenziamenti potrebbe accompagnarsi al mantenimento di un accesso ampio alla Cig-Covid".

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Conte: “Vogliamo prevenire la disoccupazione”

quoted business

Conte: “Vogliamo prevenire la disoccupazione”

Jobs & Skills

Si riduce la disoccupazione ma scendono anche le ore lavorate

Nel secondo trimestre dell'anno, l'Istat traccia - nei confronti del primo periodo del 2019 - una riduzione degli inattivi, cioè coloro che non hanno lavoro né lo cercano, con il tasso dei senza lavoro che scende al 9,9% e un leggero aumento dell'occupazione (+0,6%). Significa 130 mila occupati in più: salgono i dipendenti, sia a termine che permanenti, e in misura minore anche gli indipendenti. [continua ]

Jobs & Skills
Disoccupazione, nuovo record. Mai così bassa dal 1977

Disoccupazione, nuovo record. In Italia mai così bassa dal 1977

Jobs & Skills
La disoccupazione giovanile in Italia sale al 33%. La media Ocse è 13,3%

La disoccupazione giovanile in Italia sale al 33%. La media Ocse è 13,3%

Jobs & Skills
Disoccupazione, scende al 10,2%

Italia, il tasso di disoccupazione scende al 10,2%

Jobs & Skills

Il mercato del lavoro tedesco tiene. Disoccupazione al 6,1%

Il mercato del lavoro tedesco è rimasto stabile a dicembre, secondo i dati ufficiali diffusi martedì. I dati sono stati pubblicati prima della decisione dei leader federali e statali del paese di estendere il blocco a livello nazionale fino al 31 gennaio. Il governo ha ordinato la chiusura della maggior parte delle attività non essenziali durante il periodo natalizio, spingendo le imprese a sfruttare un programma statale che consente loro di ridurre le ore di lavoro ed evitare licenziamenti. [continua ]

Jobs & Skills

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com