Recovery, Carfagna e Brunetta: “2.800 tecnici assunti al Sud”

Tra il bando e la graduatoria finale al massimo tre mesi. La procedura partirà il 25 marzo

Recovery, Carfagna e Brunetta: “2.800 tecnici assunti al Sud”

“La procedura per assumere 2.800 tecnici al Sud partirà il 25 marzo, dopo il via libera finale della Conferenza unificata. Tra il bando e la graduatoria finale i tempi saranno al massimo di tre mesi: a luglio le amministrazioni meridionali avranno a disposizione competenze e nuove capacità per portare avanti al meglio il lavoro sul Recovery Plan”. Lo annunciano la ministra per il Sud e la Coesione territoriale, Mara Carfagna, e il ministro per la Pubblica amministrazione, Renato Brunetta: “Tutti i dettagli il 25 marzo in una conferenza stampa”.

“I progetti da includere nel piano nazionale saranno monitorati sistematicamente e a cadenza ravvicinata” e “la mancata e concreta realizzazione degli stati di avanzamento comporterà il loro definanziamento”, ha detto il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, in audizione alla Commissione Trasporti della Camera sul Recovery Plan.

Il Recovery offre all’Italia – ha aggiunto Giorgetti - “l’opportunità di correggere alcune prassi negative largamente consolidate e per adottare un metodo di programmazione dei progetti più strutturato e meno esposti ai rischi della frammentazione”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com