Primo maggio, la festa del lavoro che non c’è. Pesano gli inattivi: sono 14 mln

In un anno perso un milione di occupati in Italia. E i dipendenti a tempo indeterminato sono appena 14 milioni, ai minimi dalla fine del 2015

Primo maggio, festa del lavoro che non c’è. Pesano gli inattivi: sono 14 ml

Un milione di posti di lavoro persi in un anno; 208 mila nuovi assunti in meno a gennaio 2021 rispetto allo stesso periodo del 2020 e un segno meno che si ripete dall’aprile 2020 davanti al dato della variazione tendenziale dei rapporti di lavoro. Numeri e segni che evidenziano quanto sia difficile per l’Italia la strada verso la ripresa.

Cresce ma ancora pochissimo l’occupazione a marzo: l’Istat segnala il recupero di 34 mila posti di lavoro rispetto a febbraio, un modestissimo 0,2% che non coinvolge la fascia centrale di età, tra i 35 e i 49 anni, ed esclude le donne, il cui tasso di occupazione continua a diminuire.

E nel confronto tra il primo trimestre di quest’anno e l’ultimo del 2020 si registra ancora un calo consistente di occupati, 254 mila.

Il tasso di disoccupazione generale scende lievemente al 10,1%, percentuale che invece sale drammaticamente al 33% fra i giovani, ai massimi dal 2018.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Il mercato del lavoro tedesco tiene. Disoccupazione al 6,1%

Il mercato del lavoro tedesco è rimasto stabile a dicembre, secondo i dati ufficiali diffusi martedì. I dati sono stati pubblicati prima della decisione dei leader federali e statali del paese di estendere il blocco a livello nazionale fino al 31 gennaio. Il governo ha ordinato la chiusura della maggior parte delle attività non essenziali durante il periodo natalizio, spingendo le imprese a sfruttare un programma statale che consente loro di ridurre le ore di lavoro ed evitare licenziamenti. [continua ]

Jobs & Skills

Si riduce la disoccupazione ma scendono anche le ore lavorate

Nel secondo trimestre dell'anno, l'Istat traccia - nei confronti del primo periodo del 2019 - una riduzione degli inattivi, cioè coloro che non hanno lavoro né lo cercano, con il tasso dei senza lavoro che scende al 9,9% e un leggero aumento dell'occupazione (+0,6%). Significa 130 mila occupati in più: salgono i dipendenti, sia a termine che permanenti, e in misura minore anche gli indipendenti. [continua ]

Jobs & Skills
Le regioni nel mondo
In Puglia Emiliano vieta il lavoro nei campi nelle ore più

Dopo la morte di Fantamadi, in Puglia Emiliano vieta il lavoro nei campi nelle ore più calde

Jobs & Skills
Se l’aumento del tasso di disoccupazione è (in parte) una buona notizia

Se l’aumento del tasso di disoccupazione è (in parte) una buona notizia

Jobs & Skills
Dava farmaci stupefacenti ai migranti per sopportare il lavoro nei campi

Dava farmaci stupefacenti ai migranti per sopportare il lavoro nei campi

Jobs & Skills
La disoccupazione giovanile in Italia sale al 33%. La media Ocse è 13,3%

La disoccupazione giovanile in Italia sale al 33%. La media Ocse è 13,3%

Jobs & Skills

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com