Primo maggio, la festa del lavoro che non c’è. Pesano gli inattivi: sono 14 mln

In un anno perso un milione di occupati in Italia. E i dipendenti a tempo indeterminato sono appena 14 milioni, ai minimi dalla fine del 2015

Primo maggio, festa del lavoro che non c’è. Pesano gli inattivi: sono 14 ml

Un milione di posti di lavoro persi in un anno; 208 mila nuovi assunti in meno a gennaio 2021 rispetto allo stesso periodo del 2020 e un segno meno che si ripete dall’aprile 2020 davanti al dato della variazione tendenziale dei rapporti di lavoro. Numeri e segni che evidenziano quanto sia difficile per l’Italia la strada verso la ripresa.

Cresce ma ancora pochissimo l’occupazione a marzo: l’Istat segnala il recupero di 34 mila posti di lavoro rispetto a febbraio, un modestissimo 0,2% che non coinvolge la fascia centrale di età, tra i 35 e i 49 anni, ed esclude le donne, il cui tasso di occupazione continua a diminuire.

E nel confronto tra il primo trimestre di quest’anno e l’ultimo del 2020 si registra ancora un calo consistente di occupati, 254 mila.

Il tasso di disoccupazione generale scende lievemente al 10,1%, percentuale che invece sale drammaticamente al 33% fra i giovani, ai massimi dal 2018.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Il mercato del lavoro tedesco tiene. Disoccupazione al 6,1%

Il mercato del lavoro tedesco è rimasto stabile a dicembre, secondo i dati ufficiali diffusi martedì. I dati sono stati pubblicati prima della decisione dei leader federali e statali del paese di estendere il blocco a livello nazionale fino al 31 gennaio. Il governo ha ordinato la chiusura della maggior parte delle attività non essenziali durante il periodo natalizio, spingendo le imprese a sfruttare un programma statale che consente loro di ridurre le ore di lavoro ed evitare licenziamenti. [continua ]

Jobs & Skills

Si riduce la disoccupazione ma scendono anche le ore lavorate

Nel secondo trimestre dell'anno, l'Istat traccia - nei confronti del primo periodo del 2019 - una riduzione degli inattivi, cioè coloro che non hanno lavoro né lo cercano, con il tasso dei senza lavoro che scende al 9,9% e un leggero aumento dell'occupazione (+0,6%). Significa 130 mila occupati in più: salgono i dipendenti, sia a termine che permanenti, e in misura minore anche gli indipendenti. [continua ]

Jobs & Skills
Infortuni sul lavoro, 3 vittime al giorno

Infortuni sul lavoro, 3 vittime al giorno

Jobs & Skills
Disoccupazione, scende al 10,2%

Italia, il tasso di disoccupazione scende al 10,2%

Jobs & Skills

Il problema è la qualità del lavoro. Non il reddito di cittadinanza

Se le aziende non trovano personale tecnico, non è colpa del reddito di cittadinanza, ma di un sistema che punta su bassi salari e contratti di breve durata. Occorre investire in servizi alle imprese e politiche attive del lavoro di medio-lungo termine. [continua ]

Jobs & Skills

444.000 posti di lavoro persi nel 2020

Il numero degli occupati è sceso in Italia di 444.000 unità nel 2020. Il tasso di disoccupazione è salito al 9,0% (+0,2 punti) a dicembre. A dicembre gli occupati diminuiscono di 101.000 unità, interrompendo l'andamento positivo che tra luglio e novembre aveva portato a un recupero di 220.000 occupati. Nel complesso il tasso di occupazione scende al 58,0% (-0,2 punti percentuali rispetto a novembre) dal 58,9% di dicembre 2019. [continua ]

Jobs & Skills

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com