I conti in rosso dell’Inps: alla fine del 2021 sotto di 904 milioni

La via maestra per migliorare i conti degli Enti previdenziali non è pensare a nuove operazioni di ingegneria finanziaria (già attuate in 30 anni di riforme)

I conti in rosso dell’Inps: alla fine del 2021 sotto di 904 milioni

L’Inps registrerà un disavanzo patrimoniale alla fine di quest’anno pari a 904 milioni di euro. Lo si legge nella nota di assestamento al bilancio di previsione dell’Istituto. Il dato è dovuto al risultato economico di esercizio negativo per 15,4 miliardi. La situazione patrimoniale netta al 31 dicembre 2020 risultava positiva per 14.559 mln.

È intanto ripartito il dibattito su come superare ‘quota 100’ e altri interventi sul sistema previdenziale. La politica tuttavia finge di non capire che la via maestra per migliorare i conti degli Enti previdenziali non è pensare a nuove operazioni di ingegneria finanziaria (già attuate in 30 anni di riforme) che portino al taglio delle pensioni o all’aumento dell’età pensionabile.

Bensì frenare l’invecchiamento demografico, introducendo strumenti che contrastino la bassa natalità (ma gli effetti di queste politiche si rilevano nel medio-lungo periodo) oltre a ricorrere a quote maggiori di immigrati) e aumentare l’occupazione (di qualità), il cui tasso è in Italia particolarmente basso rispetto ai principali competitors europei.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com