L’economia cresce, la disoccupazione non diminuisce

Il Rapporto dell'International labour office evidenzia una stabilizzazione del tasso delle persone in cerca di lavoro, che però resta elevato in molte aree del mondo. Un altro punto debole è la qualità dei lavori creati

Il nuovo rapporto dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) evidenzia che, a livello globale, la disoccupazione rimarrà nel 2018 ad un livello simile all’anno precedente, nonostante l’economia globale sia in ripresa ma con una forza lavoro crescente.

Secondo il World Employment and Social Outlook: Trends 2018 , il tasso di disoccupazione globale nel 2017 è stato pari al 5,6 per cento, che corrisponde a 192 milioni di disoccupati.

Nelle economie avanzate l'indicatore delle persone in cerca di lavoro dovrebbe diminuire di ulteriori 0,2 punti percentuali nel 2018 fino a raggiungere il 5,5 per cento. Si tratterebbe di una percentuale inferiore ai livelli pre-crisi.

Di contro, si prevede che la crescita dell’occupazione non sarà in grado di assorbire l’aumento della forza lavoro nei paesi emergenti e in via di sviluppo.

“L’economia globale non è ancora in grado di creare occupazione a sufficienza. Sforzi ulteriori devono essere messi in atto per migliorare la qualità del lavoro e per garantire che i guadagni derivanti dalla crescita siano distribuiti equamente”, ha chiosato Guy Ryder, direttore generale dell’ILO.

Il rapporto evidenzia che i progressi significativi compiuti negli anni passati per ridurre il numero di lavoratori in situazioni di vulnerabilità si sono sostanzialmente arrestati dal 2012. In questa condizione sono state rilevate nel 2017 circa 1,4 miliardi di persone a livello globale, mentre nei soli paesi in via di sviluppo sono interessati tre lavoratori su quattro.

Al contrario, il numero di lavoratori poveri continua a scendere nei paesi emergenti, dove si prevede che il numero di lavoratori in condizioni di povertà estrema raggiunga 176 milioni nel 2018, ovvero il 7,2 per cento di tutti gli occupati.

Anche i tassi di partecipazione femminile restano ben al di sotto di quelli maschili. Le donne, inoltre, sono maggiormente occupate in lavori di qualità inferiore e con retribuzioni inferiori rispetto agli uomini.

Fonte

Articoli correlati

Se la disoccupazione e l'occupazione diminuiscono entrambe

Se la disoccupazione diminuisce e l'occupazione fa lo stesso. Il caso statunitense

Jobs & Skills
Scende la disoccupazione giovanile

Scende la disoccupazione giovanile. Ma la qualità dei nuovi posti è modesta

Jobs & Skills

Germania: verso la recessione, ma la disoccupazione scende al 4,9%. Per ora

Nella prima economia europea, afflitta da una crescita economica anemica, la disoccupazione continua a scendere e a settembre ha fatto registrare il 4,9% (pari a 2,23 milioni di tedeschi). È il miglior settembre dalla riunificazione della Germania nel 1990. Ma non è tutto oro ciò che luccica. Il tasso di disoccupazione normalmente a settembre (di ogni anno) scende, poiché più persone vengono assunte dopo la stagione estiva. [continua ]

Jobs & Skills

Si riduce la disoccupazione ma scendono anche le ore lavorate

Nel secondo trimestre dell'anno, l'Istat traccia - nei confronti del primo periodo del 2019 - una riduzione degli inattivi, cioè coloro che non hanno lavoro né lo cercano, con il tasso dei senza lavoro che scende al 9,9% e un leggero aumento dell'occupazione (+0,6%). Significa 130 mila occupati in più: salgono i dipendenti, sia a termine che permanenti, e in misura minore anche gli indipendenti. [continua ]

Jobs & Skills
Tasso di disoccupazione al minimo da 26 anni: 2,2%

Giappone, tasso di disoccupazione al minimo da 26 anni: 2,2%

Jobs & Skills
L'economia rallenta ma la disoccupazione è al minimo storico: 6,3%

Ue, l’economia frena ma la disoccupazione è al minimo storico: 6,3%

Ue
Jobs & Skills

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com