4 settimane di sciopero. Macron non cede: “La riforma delle pensioni sarà completata”

"Pensare al futuro del paese. E il confronto deve prevalere sullo scontro". Così il presidente francese dopo un mese di sciopero contro il progetto di revisione del sistema previdenziale

4 settimane di sciopero. Macron non cede sulle pensioni

“Il confronto deve prevalere sullo scontro. Ma vi assicuro che la riforma sulle pensioni di cui mi sono fatto carico sarà portata a termine”. Emmanuel Macron non fa alcun passo indietro sul progetto di riforma del sistema previdenziale e si limita ad auspicare che “governo, associazioni imprenditoriali e rappresentanti dei lavoratori trovino in tempi brevi un compromesso” sulla linea delle indicazioni in arrivo dall’Eliseo.

“Le decisioni che dobbiamo prendere possono fare male e creare proteste, lo so – ha detto il presidente francese -. Ma io devo pensare al futuro del paese”. La riforma delle pensioni “è un progetto di giustizia e progresso sociale che porta all’universalità – ha spiegato – a un sistema dove tutti hanno gli stessi diritti sin dalla prima ora in cui lavorano e che si occupa di chi oggi è trascurato dalla previdenza: donne, commercianti e agricoltori su tutti”.

Le parole di Macron non contribuisce a far scendere i toni di uno sciopero ad oltranza che va avanti ormai da quattro settimane. I negoziati dovrebbero ripartire il 7 gennaio con un incontro tra governo e sindacati. Intanto l’astensione dal lavoro è scesa, ma in sciopero ci sono un terzo dei macchinisti, quanto basta a ridurre sensibilmente i servizi. A Parigi sono solo due le linee della metro che funzionano regolarmente.

Fonte

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com