La Spagna rivoluziona il mercato del lavoro

La riforma promessa a Bruxelles prevede solo tre tipi di contratti. Obiettivo: ridurre la precarietà. La Spagna ha un tasso di disoccupazione tra i più alti dell’Ue. Ma il piano deve ancora essere approvato dal parlamento iberico

Madrid rivoluziona il mercato del lavoro
Pedro Sanchez

Il Governo spagnolo ha inviato al Parlamento una proposta di riforma radicale del mercato del lavoro.

Nel documento si parla espressamente di tre tipi di contratti (uno stabile, un altro temporaneo e un terzo di formazione) e di tre, anzi quattro, priorità: riduzione della disoccupazione giovanile, l’ammodernamento delle politiche attive per l’occupazione, la digitalizzazione dei servizi pubblici per l’occupazione e un nuovo modello di contrattazione collettiva.

L’idea è di ridurre la precarietà che affligge il mercato del lavoro spagnolo, che evidenzia un tasso di disoccupazione e di inoccupazione tra i più alti dell’Ue.

Il progetto di riforma, che riguarda anche il fisco e le pensioni, include un’analisi dell’evoluzione degli investimenti pubblici in Spagna negli ultimi anni: dalla creazione dell’Unione economica e monetaria fino alla crisi del 2008, gli investimenti pubblici annuali avevano superato in media il 4% del Pil, posizionandosi al di sopra della media europea. Questa tendenza si è tuttavia invertita nell’ultimo decennio. Mentre gli investimenti nell’Ue sono rimasti relativamente stabili al 3% del Pil, in Spagna si sono dimezzati, raggiungendo solo il 2% negli ultimi anni. Ora il governo Sanchez, grazie al Recovery Fund, prova a invertire la rotta.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Spagna, 800 mila posti di lavoro in tre anni

La Spagna conta di creare oltre 800.000 posti di lavoro nei prossimi tre anni grazie ai fondi europei. Lo ha detto il premier iberico Pedro Sanchez. Madrid utilizzerà i 140 miliardi di euro che riceverà dall’Ue tra il 2021 e il 2026 per rafforzare la propria economia, che è stata duramente colpita dalla pandemia, ha spiegato Sanchez. [continua ]

Jobs & Skills

Il mercato del lavoro tedesco tiene. Disoccupazione al 6,1%

Il mercato del lavoro tedesco è rimasto stabile a dicembre, secondo i dati ufficiali diffusi martedì. I dati sono stati pubblicati prima della decisione dei leader federali e statali del paese di estendere il blocco a livello nazionale fino al 31 gennaio. Il governo ha ordinato la chiusura della maggior parte delle attività non essenziali durante il periodo natalizio, spingendo le imprese a sfruttare un programma statale che consente loro di ridurre le ore di lavoro ed evitare licenziamenti. [continua ]

Jobs & Skills
Disoccupazione giovanile, perché in Spagna è al 30% e in Germania al 7%?

Disoccupazione giovanile, in Germania è al 7% e in Spagna al 30%: perché questo gap?

Jobs & Skills
Così Madrid risolve il rebus dei rider

Così la Spagna risolve il rebus dei rider

Jobs & Skills
Madrid sperimenta la settimana lavorativa di 4 giorni

La Spagna sperimenta la settimana lavorativa di 4 giorni

Jobs & Skills
Primo maggio, festa del lavoro che non c’è. Pesano gli inattivi: sono 14 ml

Primo maggio, la festa del lavoro che non c’è. Pesano gli inattivi: sono 14 mln

Jobs & Skills

Indicatori

L'andamento del rapporto debito/Pil in Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Spagna

Osservando l’andamento del rapporto debito/pil nei cinque paesi selezionati emergono tre aspetti nodali 1) la tendenza a convergere da parte di Francia, Regno Unito e Spagna negli ultimi anni 2) la dimensione del debito italiano 3) la netta inversione di marcia della Germania dopo il 2012

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com