La Spagna verso un altro aumento del salario minimo

Una misura chiave, frutto dell’accordo tra Psoe e Podemos, in un paese che ‘soffre’ di salari mediamente bassi e alta disoccupazione. Intanto in Italia, uno dei paesi dell’Ue a non avere un salario minimo legale, si discute se eliminare, modificare o lasciare così come è il Reddito di cittadinanza

Madrid verso un altro aumento del salario minimo
Pedro Sanchez

Si va verso un nuovo aumento del salario minimo interprofessionale in Spagna. L’obiettivo del governo, specificato chiaramente nell’accordo fra Psoe e Podemos all’inizio della legislatura, è chiaro: «Aumenteremo il salario minimo interprofessionale fino a raggiungere progressivamente il 60% del salario medio in Spagna, come raccomanda la Carta Sociale Europea».

Il governo presieduto da Pedro Sánchez è il responsabile del maggiore aumento del valore di questo indicatore: nel 2019, con l’appoggio parlamentare di Podemos, che ancora non era nel governo, aumentò del 22% il suo valore, dopo un decennio praticamente di stasi durante il governo Rajoy. Il valore raggiunto fu di 900 euro al mese, per 14 mensilità (o 1.050 in 12 mensilità). L’anno successivo, nel 2020, si arrivò a 950. Ora, per il 2021, resta da trovare un accordo sulla quantità concreta. I sindacati vogliono almeno compensare l’aumento dell’inflazione, che quest’anno è stata per la prima volta importante da molti anni in Spagna: attorno al 3%.

Un comitato di esperti nominati dal governo a giugno aveva messo dei paletti numerici al piano del governo: suggeriva che entro la fine della legislatura nel 2023 si arrivasse a un salario tra i 1.011 e i 1.049 euro al mese (per 14 mensilità), che corrisponde proprio a circa il 60% del salario medio percepito dai lavoratori spagnoli. Per quanto riguarda il 2021, prendeva in considerazione un aumento cauto, fra i 12 i 19 euro al mese (tra l’1.3% e il 2%). Se davvero il governo rosso-viola arrivasse alle prossime elezioni con le cifre promesse, il salario sarà aumentato di un totale di 300 euro al mese (ben 4.200 euro all’anno in 14 mensilità).

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

L'andamento del rapporto debito/Pil in Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Spagna

Osservando l’andamento del rapporto debito/pil nei cinque paesi selezionati emergono tre aspetti nodali 1) la tendenza a convergere da parte di Francia, Regno Unito e Spagna negli ultimi anni 2) la dimensione del debito italiano 3) la netta inversione di marcia della Germania dopo il 2012

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com