Un tedesco su cinque ha un lavoro precario

Cresce il numero di sottoccupati e di quelli che devono cercare un secondo lavoro part-time per sbarcare il lunario

Un tedesco su cinque ha un lavoro precario

Un tedesco su cinque ha un "mini-jobs". Ovvero, un posto di lavoro precario e scarsamente retribuito: non più di 450 euro al mese. Secondo i dati dell’agenzia federale sull’occupazione, i lavoratori impiegati in tal modo sono aumentati di almeno 50 mila unità in un solo anno.

Sebbene la Germania evidenzi un bassissimo tasso di disoccupazione (3,4%), i sottoccupati stanno crescendo a un ritmo significativo. Alla fine di marzo 2018, circa 7,6 milioni dei 32,7 mln di posti di lavoro (per i quali è previsto il versamento dei contributi di sicurezza sociale) erano classificati come "occupazioni marginali". Ciò rappresenta un aumento del 35% rispetto a 15 anni fa. Occorre, poi, considerare che l'8,5% dei dipendenti a tempo pieno in Germania svolge anche un mini-lavoro. Si tratta di 2,8 milioni di persone, ovvero 1 milione in più rispetto a dieci anni fa.

Inoltre, un recente rapporto ha rivelato che la povertà minaccia il 20% della popolazione tedesca, dal momento che il costo della vita continua a salire senza essere tuttavia compensato da una crescita proporzionale dei salari.

Il quotidiano Rheinische Post ha provato a spiegare tutto ciò. Nonostante nel 2015 sia stato introdotto in Germania il salario minimo (pari a 8,84 euro l'ora ma dovrebbe salire a 9,35 nel 2020), i datori di lavoro continuano a sfruttare il fatto che le retribuzioni uguali o inferiori a 450 euro non sono tassate. Si tratta di un incentivo che avrebbe, pertanto, distorto il mercato del lavoro e indotto le imprese a sostituire i contratti di lavoro tradizionali con quelli previsti per i mini-jobs.

In tal modo è possibile ridurre i costi per le imprese ma sono, di fatto, sobbarcati dal governo tedesco.  

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Smart working, non ripetiamo l’errore fatto con la flessibilità

quoted business

Smart working, non ripetiamo l’errore fatto con la flessibilità (poi diventata per molti precarietà)

Ue
Jobs & Skills

Il mercato del lavoro tedesco tiene. Disoccupazione al 6,1%

Il mercato del lavoro tedesco è rimasto stabile a dicembre, secondo i dati ufficiali diffusi martedì. I dati sono stati pubblicati prima della decisione dei leader federali e statali del paese di estendere il blocco a livello nazionale fino al 31 gennaio. Il governo ha ordinato la chiusura della maggior parte delle attività non essenziali durante il periodo natalizio, spingendo le imprese a sfruttare un programma statale che consente loro di ridurre le ore di lavoro ed evitare licenziamenti. [continua ]

Jobs & Skills
Smart working, il governo contraddice Deutsche Bank

quoted business

Germania, il governo contraddice Deutsche Bank. Le tasse sugli smart worker vanno aumentate?

Jobs & Skills
Crisi d’acciaio

Rai

Crisi d’acciaio

Jobs & Skills

quoted business

Volkswagen taglia 9.500 posti di lavoro

Volkswagen taglia 9.500 posti di lavoro nel suo comparto specializzato in autocarri e autobus Man Truck & Bus. L’obiettivo è risparmiare circa 1,8 miliardi di euro entro il 2023. Questa misura significherebbe la scomparsa di un quarto di tutti i posti di lavoro della Man, che da tempo subisce pesanti perdite. Già prima della pandemia l’azienda stimava che le vendite in Europa sarebbero diminuite del 10-12% nel 2020. [continua ]

Jobs & Skills
Berlino aumenta il salario minimo

La Germania aumenta il salario minimo

Jobs & Skills

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com