Il tasso di disoccupazione scende a livelli record in Germania: 5,2%. Mai così bassa dal 1991

Nel 2018 il numero di disoccupati è diminuito di 193 mila unità a 2,34 milioni. Ma cresce anche la quota di sottoccupati, ovvero di lavoratori precari e a basso salario

Disoccupazione, scende a livelli record: 5,2%. Mai così bassa dal 1991

Dall’anno della riunificazione (1991) non era mai scesa così tanto: il tasso di disoccupazione su base annuale in Germania si è attestato al 5,2% nel 2018, il che vuol dire -0,5% rispetto all’anno precedente, sebbene il numero di persone in cerca di lavoro sia aumentato da novembre a dicembre, secondo quanto riferito dall'Agenzia Federale.

Nel 2018 il numero di disoccupati è diminuito di 193 mila unità a 2,34 milioni. Ma cresce anche la quota di sottoccupati, ovvero di lavoratori precari e a basso salario. Inoltre, da novembre a dicembre il numero di persone in cerca di lavoro è salito: +23 mila. L’Agenzia spiega l’incremento su base mensile con il lavoro stagionale che nei mesi invernali si riduce.

Resta il fatto che i dati record sulla disoccupazione nel 2018 giungono inaspettati visto che nel terzo trimestre il Pil tedesco è stato inferiore alle attese, a causa delle tensioni commerciali, dell’instabilità dei mercati finanziari globali e delle difficoltà attraversate dal cuore pulsante dell’industria tedesca (il comparto dell’auto).

E c’è un’altra notizia che conferma le performance occupazionale. Diminuisce il numero di beneficiari di Hartz IV, l’indennità prevista per i disoccupati di lungo periodo. A novembre i percettori erano 5,9 milioni. Si tratta di un calo di 600 mila persone rispetto al 2008 quando la misura è stata introdotta. Un altro record anche per questo indicatore: mai così basso.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Il mercato del lavoro tedesco tiene. Disoccupazione al 6,1%

Il mercato del lavoro tedesco è rimasto stabile a dicembre, secondo i dati ufficiali diffusi martedì. I dati sono stati pubblicati prima della decisione dei leader federali e statali del paese di estendere il blocco a livello nazionale fino al 31 gennaio. Il governo ha ordinato la chiusura della maggior parte delle attività non essenziali durante il periodo natalizio, spingendo le imprese a sfruttare un programma statale che consente loro di ridurre le ore di lavoro ed evitare licenziamenti. [continua ]

Jobs & Skills
Resilienza tedesca: disoccupazione al 5% e record di occupati

Resilienza tedesca: disoccupazione al 5% e record di occupati. Nonostante il Pil

Jobs & Skills

Germania: verso la recessione, ma la disoccupazione scende al 4,9%. Per ora

Nella prima economia europea, afflitta da una crescita economica anemica, la disoccupazione continua a scendere e a settembre ha fatto registrare il 4,9% (pari a 2,23 milioni di tedeschi). È il miglior settembre dalla riunificazione della Germania nel 1990. Ma non è tutto oro ciò che luccica. Il tasso di disoccupazione normalmente a settembre (di ogni anno) scende, poiché più persone vengono assunte dopo la stagione estiva. [continua ]

Jobs & Skills
La disoccupazione giovanile in Italia sale al 33%. La media Ocse è 13,3%

La disoccupazione giovanile in Italia sale al 33%. La media Ocse è 13,3%

Jobs & Skills
Disoccupazione: scende ma resta più alta di quella preCovid. Germania: 4,4%

Ocse: la disoccupazione scende, ma resta più alta di quella pre-Covid. Germania: 4,4%

Jobs & Skills
Conte: “Vogliamo prevenire la disoccupazione”

quoted business

Conte: “Vogliamo prevenire la disoccupazione”

Jobs & Skills

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com