Audi taglia 9.500 posti in Germania

Nel 2019 Audi costruirà meno di 200 mila auto a fronte di una capacità produttiva annuale di 300 mila. Dopo il dieselgate, il colosso tedesco ha perso terreno rispetto ai concorrenti Daimler e Bmw

Audi taglia 9.500 posti di lavoro

Il colosso tedesco Audi taglierà 9500 posti di lavoro in Germania entro il 2025. È quanto risulta da una trattativa tra Consiglio di fabbrica e il management per il risanamento della società controllata dal Gruppo Volkswagen.

Finora era previsto una diminuzione della forza lavoro nell'ordine di 4000-5000 dipendenti. Dopo la sforbiciata, il numero complessivo dei lavoratori addetti nei due stabilimenti tedeschi di Neckarsulm e Ingolstadt scenderà a 50 mila.

Nel 2019, per il terzo anno consecutivo, saranno costruite meno di 200 mila auto a fronte di una capacità produttiva annuale di 300 mila. Ciò significa che aumentano i costi di produzione e diminuiscono le vetture prodotte.

Il marchio tedesco, dopo il dieselgate, ha cominciato a perdere terreno rispetto ai concorrenti Daimler e Bmw.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com