Rivoluzione tedesca: orario di lavoro più flessibile nel settore metalmeccanico

Dopo l'accordo siglato nel settore metalmeccanico, che prevede un aumento del 4,3%, i lavoratori possono ridursi l'orario settimanale fino a 28 ore per motivi familiari. In compenso per le imprese è ora possibile superare il tetto delle 40 ore con i dipednenti disponibili

Rivoluzione nel lavoro: orario più flessibile
Lavoratori dello stabilimento Bmw di Wackersdorf (Germania)

Le imprese metalmeccaniche tedesche hanno firmato uno storico accordo con il potente sindacato IG Metall. L’intesa è valida per quasi 1 milione di lavoratori nel land meridionale del Baden-Württemberg, ma dovrebbe essere estesa a livello nazionale ai 3,9 milioni di occupati del settore.

L’aumento salariale concordato è del 4,3% da aprile 2018 a fronte di una richiesta iniziale del 6% da parte di IG Metall. Inoltre, da gennaio a marzo sono stati concordati pagamenti mensili una tantum di 100 euro.

La novità assoluta è la possibilità per i lavoratori di ridurre le ore settimanali da 35 a 28 ore fino ad un massimo di due anni (con corrispondente diminuzione della retribuzione) al fine di accudire figli e altri familiari. Il rovescio della medaglia è che le imprese potranno proporre ad altri lavoratori di superare il limite delle 40 ore settimanali.

Il leader dell’organizzazione datoriale metalmeccanica Gesamtmetall, Rainer Dulger, ha definito l'accordo salariale "la chiave di volta del nuovo sistema flessibile di lavoro per il 21° secolo". Gli fa eco Jörg Hofmann, capo di IG Metall: "L'accordo è una pietra miliare verso un mondo del lavoro moderno e autodeterminato".

La voce di quoted

Con questo accordo i dipendenti ottengono più opzioni per ridurre il loro orario di lavoro, mentre le imprese hanno più modi per aumentare il numero totale di ore lavorate, specialmente in una fase come quella attuale di espansione del ciclo. L’aumento dei salari potrebbe, inoltre, indurre la crescita dei consumi interni, quindi favorire l’incremento dell’inflazione, che la Banca centrale europea non è ancora riuscita a portare sull’obiettivo del 2%, e ridurre il surplus commerciale tedesco, alimentato fino ad ora da export crescente associato a import moderato.
Fonte

La voce di quoted

Con questo accordo i dipendenti ottengono più opzioni per ridurre il loro orario di lavoro, mentre le imprese hanno più modi per aumentare il numero totale di ore lavorate, specialmente in una fase come quella attuale di espansione del ciclo. L’aumento dei salari potrebbe, inoltre, indurre la crescita dei consumi interni, quindi favorire l’incremento dell’inflazione, che la Banca centrale europea non è ancora riuscita a portare sull’obiettivo del 2%, e ridurre il surplus commerciale tedesco, alimentato fino ad ora da export crescente associato a import moderato.
www.quotedbusiness.com