Germania, il governo contraddice Deutsche Bank. Le tasse sugli smart worker vanno aumentate?

La prima banca europea aveva suggerito nei giorni scorsi di aumentare la pressione fiscale sugli smart worker. Ma ora il governo intende andare in direzione opposta

Smart working, il governo contraddice Deutsche Bank

Secondo l’Istituto di ricerca economica tedesco Ifo, il 56% dei lavoratori in Germania potrebbe continuare a lavorare da casa anche dopo la fine della pandemia. Un dato così eclatante da aver spinto la Deutsche Bank (la prima banca europea) a suggerire l’introduzione di una tassa giornaliera del 5% sulle persone che lavorano da casa e di utilizzare i fondi raccolti per sovvenzionare quelle meno pagate che non possono essere messe in smart working.

Deutsche Bank afferma che una tassa del 5% è giustificata perché le persone che lavorano da casa “contribuiscono meno alle infrastrutture dell’economia pur ricevendone i benefici”. In concreto, non andando in ufficio, si spende meno ad esempio per l’abbigliamento, per i trasporti, per il pranzo. Allo stesso tempo, i lavoratori a distanza stanno ottenendo vantaggi sotto forma di risparmi maggiori e intangibili, come ad esempio una maggiore flessibilità nella distribuzione del tempo di lavoro e decine di minuti (a volte ore) di sonno in più.

Ma il governo tedesco sembra interpretare il fenomeno smart working in tutt’altro modo. Svolgere la propria attività da casa comporta costi aggiuntivi per i lavoratori: per questo in Germania chi lavora in modalità agile potrà pagare meno tasse. È quanto prevede una proposta di legge approvata dalla coalizione di governo tedesca, guidata da Angela Merkel. In base al testo, che il Bundestag dovrebbe approvare entro dicembre, chi lavora da remoto potrà godere di una deduzione fiscale pari a 5 euro per ogni giornata lavorativa, fino a un massimo di 600 euro all’anno, per coprire le maggiori spese – come quelle per gli acquisti alimentari o le utenze domestiche – dovute al lavoro da casa.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Il mercato del lavoro tedesco tiene. Disoccupazione al 6,1%

Il mercato del lavoro tedesco è rimasto stabile a dicembre, secondo i dati ufficiali diffusi martedì. I dati sono stati pubblicati prima della decisione dei leader federali e statali del paese di estendere il blocco a livello nazionale fino al 31 gennaio. Il governo ha ordinato la chiusura della maggior parte delle attività non essenziali durante il periodo natalizio, spingendo le imprese a sfruttare un programma statale che consente loro di ridurre le ore di lavoro ed evitare licenziamenti. [continua ]

Jobs & Skills
Atene attira gli smart worker: sconto del 50% sulle tasse

La Grecia attira gli smart worker: sconto del 50% sulle tasse

Jobs & Skills
Crisi d’acciaio

Rai

Crisi d’acciaio

Jobs & Skills

quoted business

Volkswagen taglia 9.500 posti di lavoro

Volkswagen taglia 9.500 posti di lavoro nel suo comparto specializzato in autocarri e autobus Man Truck & Bus. L’obiettivo è risparmiare circa 1,8 miliardi di euro entro il 2023. Questa misura significherebbe la scomparsa di un quarto di tutti i posti di lavoro della Man, che da tempo subisce pesanti perdite. Già prima della pandemia l’azienda stimava che le vendite in Europa sarebbero diminuite del 10-12% nel 2020. [continua ]

Jobs & Skills
Berlino aumenta il salario minimo

La Germania aumenta il salario minimo

Jobs & Skills
Gualtieri: “Da luglio taglio di tasse in busta paga per 16 mln di persone”

Gualtieri: “Da luglio taglio di tasse in busta paga per 16 mln di persone”

Jobs & Skills

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com