Il mercato del lavoro tedesco tiene. Disoccupazione al 6,1%

Prima della pandemia di coronavirus, il tasso di disoccupazione in Germania si era attestato a un minimo storico di circa il 5%

Il mercato del lavoro tedesco tiene. Disoccupazione al 6,1%

Il mercato del lavoro tedesco è rimasto stabile a dicembre, secondo i dati ufficiali diffusi martedì. I dati sono stati pubblicati prima della decisione dei leader federali e statali del paese di estendere il blocco a livello nazionale fino al 31 gennaio. Il governo ha ordinato la chiusura della maggior parte delle attività non essenziali durante il periodo natalizio, spingendo le imprese a sfruttare un programma statale che consente loro di ridurre le ore di lavoro ed evitare licenziamenti.

Il tasso di disoccupazione destagionalizzato nella principale economia europea si è attestato al 6,1% a dicembre, lo stesso di novembre. In termini assoluti, coloro che sono in cerca di occupazione sono pari a 2,7 milioni. Mezzo milione in più rispetto a dicembre 2019.

Berlino ha fatto massiccio ricorso al lavoro part-time. Soltanto tra il 1° e il 28 dicembre, 660.000 persone sono state assegnate a un impiego a tempo ridotto. “La pandemia sta avendo un impatto molto visibile sul mercato del lavoro tedesco – spiega l’analista di ING Carsten Brzeski -. L’effetto stabilizzante del lavoro a tempo ridotto, tuttavia, ha prevenuto un aumento della disoccupazione”.

Prima della pandemia di coronavirus, il tasso di disoccupazione in Germania si era attestato a un minimo storico di circa il 5%.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com