A New York in 4 su 5 non torneranno in ufficio a tempo pieno

A New York in 4 su 5 non torneranno in ufficio a tempo pieno

È giunto il momento di iniziare a pianificare il futuro del lavoro post-covid a New York. E forse non solo nella Grande Mela. Un futuro che potrebbe essere molto diverso da quanto avvenuto sino all'anno scorso.

Almeno è quanto emerge da un sondaggio di Partnership for New York City, secondo cui solo il 22% delle imprese di Manhattan chiederà a tutti i lavoratori di tornare in ufficio a tempo pieno al termine delle misure straordinarie ancora in vigore per il coronavirus.

Circa il 66% ha spiegato di voler adottare un modello ibrido tra giorni in ufficio e giorni a casa, un altro 9% non richiederà affatto ai lavoratori di tornare in ufficio e il 4% ha affermato che dipenderà dal ruolo.

In totale, circa 4 su 5 delle persone che lavoravano in ufficio a Manhattan non ritorneranno in sede a tempo pieno.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com