Energia termonucleare, la rivoluzione è più vicina?

Energia termonucleare, la rivoluzione è più vicina?

La fusione nucleare controllata è un tentativo di imitare le reazioni del Sole per ottenere una fonte energetica rinnovabile ed ecologica. Ma è necessario portare i nuclei degli atomi di idrogeno a fondersi e a formare un atomo di elio. In questa reazione, secondo gli scienziati, si sprigiona una grande quantità di energia. Il problema è che i nuclei atomici per fondersi devono superare la barriera di Coulomb e per fare questo necessitano di energia, dunque di calore.

Gli scienziati hanno capito come surriscaldare fino a milioni di gradi gli isotopi di idrogeno (deuterio e trizio) che fungono da carburante. Tuttavia, il plasma che si forma non è resistente e si raffredda in pochi secondi. Questo lasso di tempo è troppo limitato perché prenda avvio una reazione stabile di fusione nucleare.

Sebbene non tutti i nodi siano stati sciolti, in Francia è in costruzione un potente reattore termonucleare sperimentale, mentre Pechino ha dichiarato di voler diventare leader globale nel settore dell’energia termonucleare. E la Cina negli ultimi due anni ha messo a segno il record di temperatura raggiunta.

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com