Il petrolio dell’Isis nelle raffinerie sarde

Il petrolio partiva dal Medioriente, attraversava i territori devastati dal jihad dell’Isis, solcava il Mar Mediterraneo e approdava sulle coste di Sarroch, dove si trova la Saras: la raffineria tra le più grandi d’Europa. Per l’acquisto di petrolio non commercializzabile (perché non venduto attraverso i canali regolari visto che c’era una guerra in corso), venivano sborsate centinaia di milioni di euro per comprare altrettante tonnellate di greggio a prezzi di saldo.

Il petrolio dell’Isis nelle raffinerie sarde

Ecco i numeri. Dodici milioni di tonnellate di oli minerali che avrebbero consentito alla società controllata per il 40% dalla famiglia Moratti di ammazzare il mercato, grazie a prezzi d’acquisto molto vantaggiosi. Di frodare il fisco, per almeno 130 milioni di euro. E ai terroristi di Daesh di finanziare la jihad.

È il quadro descritto dai pubblici ministeri Danilo Tronci e Guido Pani nell’inchiesta per riciclaggio, falso e reati fiscali che vede sotto accusa i vertici aziendali (Franco Balsamo e Marco Schiavetti) e per finanziamento terroristico le sole società di trading internazionale che facevano da tramite per la compravendita.

Il greggio secondo le ipotesi sarebbe arrivato dall’Iraq, senza essere però gestito dal competente ente nazionale, e passato per la Turchia. Gli anni di riferimento sono quelli tra il 2015 e il 2017.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Isis: “Lo Stato islamico prenderà Roma”

quoted business

Isis: “Lo Stato islamico prenderà Roma”

Global

Poste acquisisce il 51% della cinese Sengi

Per la prima volta una società estera entrerà a far parte del gruppo Poste Italiane contribuendo ai risultati consolidati di gruppo. Si rafforza così la partnership nel mercato dell’e-commerce tra Italia e Cina attraverso un accordo quadro vincolante con Cloud Seven Holding, che prevede l’acquisizione del 51% del capitale votante di Sengi Express (al 100% di Cloud Seven Holding, con sede a Hong Kong). [continua ]

Corporate
Dall’oro al greggio, è tutta materia che scotta

quoted business

Dall’oro al greggio, è tutta materia che scotta

Energie & Risorse
La transizione verso le ‘energie pulite’? Un miraggio

La transizione verso le ‘energie pulite’? Un miraggio

Energie & Risorse

quoted business

L’Opec+ trova l’intesa. Tuttavia l’economia resta nelle mani di poche multinazionali

L’accordo raggiunto in seno all’organizzazione per aumentare la produzione di greggio arresterà la crescita dell’inflazione. L’economia globale è tuttavia ancora anacronisticamente fondata sull’energia fossile e sul potere debordante di un manipolo di multinazionali, ormai troppo grandi persino per i governi dei principali paesi al mondo. [continua ]

Energie & Risorse

quoted business

La ripresa dell’economia globale è nelle mani dei paesi produttori di petrolio. E c’è chi parla di stagflazione

Nessun accordo in seno Opec+ (che include la Russia) ed Emirati Arabi sul ripristino della produzione di petrolio ai livelli pre-pandemici. A questo punto l’inflazione delle economie avanzate è destinata a salire ancora, mettendo a rischio la ripresa globale. Anche le banche centrali potrebbero decidere di anticipare l’aumento dei tassi di interesse. [continua ]

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com