La ripresa dell’economia globale è nelle mani dei paesi produttori di petrolio. E c’è chi parla di stagflazione

Nessun accordo in seno Opec+ (che include la Russia) ed Emirati Arabi sul ripristino della produzione di petrolio ai livelli pre-pandemici. A questo punto l’inflazione delle economie avanzate è destinata a salire ancora, mettendo a rischio la ripresa globale. Anche le banche centrali potrebbero decidere di anticipare l’aumento dei tassi di interesse.

La ripresa dell’economia è nelle mani dei paesi produttori di petrolio

Non solo i mercati finanziari, ma anche i governi delle maggiori potenze economiche mondiali, hanno osservato con attenzione quanto accaduto lunedì 5 luglio alla riunione dell’Opec+. L’organizzazione dei maggiori produttori di petrolio, allargata alla Russia (da cui il segno più), era convocata in seduta permanente da giovedì scorso per decidere se estendere o meno i tagli fino al dicembre del 2022, riaprendo i rubinetti solo gradualmente.

Ma alla fine la riunione è stata nuovamente rinviata a data da destinarsi dopo che sono falliti i tentativi di trovare una soluzione di compromesso su come gestire i prossimi aumenti della produzione. Eppure nel corso della riunione di giovedì, poi continuata venerdì, i paesi avevano trovato un’intesa di massima sul fatto di aumentare la produzione di 400.000 barili al giorno. Lo scorso anno i paesi produttori avevano deciso un drastico taglio di 10 mln di barili a fronte del crollo dei prezzi e nel corso degli ultimi mesi questi tagli sono stati ridotti progressivamente.

La produzione rimane al momento inferiore ancora di 5,8 mln rispetto ai livelli pre-pandemici e avrebbe recuperato altri 2 milioni entro dicembre sulla base della bozza di intesa. Le differenze sono emerse su come gestire gli altri tagli rimanenti che dovrebbero durare fino ad aprile 2022, mentre giovedì era stata avanzata la proposta di una loro proroga fino a fine 2022. Un’idea che ha trovato la strenua opposizione degli Emirati Arabi Uniti. L’accordo è così saltato.

A pagarne le conseguenze sarà la ripresa dell’economia globale, ancora fortemente dipendente dall’oro nero. A questo punto l’inflazione delle economie avanzate probabilmente salirà ancora, dopo il +3,8% su base annua registrato nel paesi Ocse a maggio. E in caso di ulteriori balzi del livello dei prezzi al consumo le banche centrali potrebbero decidere di anticipare l’aumento dei tassi di interesse. Il che potrebbe aprire un nuovo scenario: la stagflazione.

FOCUS - Cosa chiedono gli Emirati Arabi Uniti?

Per capire la questione, è bene ricordare che i tagli, così come gli aumenti di produzione, vengono decisi prendendo come riferimento una soglia di partenza: più alta è quella soglia, più un paese può produrre una maggiore quantità di petrolio.

Ciò che Abu Dhabi chiede, è la revisione al rialzo della propria quota, prima che quei tagli vengano prorogati alla fine del 2022, per produrre dunque di più rispetto a quanto le è consentito di fare ora.

La soglia attuale è quella, d'altronde, che è stata decisa per il paese nell’ottobre del 2018, quando Abu Dhabi produceva circa 3,2 milioni di barili al giorno. Il punto è che, lo scorso anno, quel numero è volato a 3,8 milioni di barili al giorno. Secondo gli Emirati Arabi Uniti, la soglia di partenza non dovrebbe essere insomma quella di quattro anni fa.

Tuttavia, secondo gli accordi in essere, i paesi membri dell’Opec+ potranno rinegoziare le loro quote di partenza soltanto alla fine dell'accordo attuale, che ora Arabia Saudita e Russia vorrebbero estendere. Di qui, il ‘no’ secco degli Emirati.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Geopolitica del petrolio. Biden sfida l’Opec. Ma il prezzo del greggio aumenta…

L’obiettivo degli Stati Uniti è contenere l’aumento dell’inflazione. Ma la mossa della prima economia al mondo potrebbe incrinare i rapporti tra Washington e Riad, che sono considerati una pietra angolare delle relazioni degli Stati Uniti in Medio Oriente. [continua ]

Energie & Risorse

Se l’Europa vuole azzerare l’economia russa, l’embargo del petrolio non è la via giusta. Solo con il gas può riuscirci

Se l’Europa è disposta a sostituire il gas russo con maggiore import di gas naturale liquefatto, ben più costoso, potrebbe minare gravemente la capacità della Russia di guadagnare valuta forte attraverso le esportazioni di gas con le quali Vladimir Putin finanzia anche la guerra in Ucraina. Ma questa scelta comporterebbe costi elevati e duraturi anche per l’Europa. [continua ]

Energie & Risorse
Gli Usa bloccano il petrolio russo ma comprano l’uranio dalla Federazione

Gli Usa bloccano il petrolio di Mosca ma comprano l’uranio dalla Russia: oltre 1 mld di dollari l’anno

Energie & Risorse
Il grande dilemma di Biden
quoted business

Il grande dilemma di Biden: puntare ancora su petrolio e gas oppure non dare peso all’inflazione?

Energie & Risorse
L’Europa è in ‘cul de sac’: il petrolio russo è irrinunciabile. Ecco perché

L’Europa è in ‘cul de sac’: il petrolio russo è (quasi) irrinunciabile. Ecco perché

Energie & Risorse

Perché i sauditi non vogliono aumentare la produzione di petrolio?

L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti sono gli unici due produttori di petrolio con una significativa capacità inutilizzata. Solo loro hanno il potere di destabilizzare il mercato. Una situazione che non piace agli Stati Uniti che hanno bisogno di sostituire le importazioni russe. Washington, dopo aver riavviato a tempo di record le interrotte relazioni diplomatiche con il Venezuela, ha bussato invano alla porta di Riad. Che però ha altri piani. [continua ]

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com