Gli accordi con Mosca sono stati una strada obbligata?

L’Europa, la Germania e l’Italia in particolare, dalla Seconda guerra mondiale, non avevano più il controllo su nessuna fonte energetica.

Alberto Negri

Visto da qb

Gli accordi con Mosca sono stati una strada obbligata?

“Le alternative al gas e al petrolio russo potevano essere in questi decenni la Libia, distrutta dall’intervento francese, statunitense e britannico nel 2011, l’Iran rimesso sotto embargo dopo l’accordo sul nucleare del 2015, e l’Iraq, invaso nel 2003 dagli Usa. In realtà l’Europa, la Germania e l’Italia in particolare, dalla Seconda guerra mondiale, non avevano più il controllo su nessuna fonte energetica. Gli accordi con Mosca erano una strada obbligata ma questo lo hanno voluto anche le potenze vincitrici. Gli errori stanno da tutte le parti”. È il commento di Alberto Negri che non fa sconti a nessuno.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

La Cina potrebbe fare con il resto del mondo quello che la Russia sta facendo contro l’Europa

Pechino detiene il 93% delle scorte mondiali di rame, il 74% di quelle di alluminio, il 68% di quelle di mais e il 51% di quelle di frumento. Eppure l’attività estrattiva in Cina è limitata. Come si spiega allora questo dominio? [continua ]

Energie & Risorse
In Europa sempre meno gas: costretti a stare al gioco di Russia e Usa
quoted business

In Europa sempre meno gas: costretti a stare al gioco di Russia e Usa

Energie & Risorse
quoted business

A giugno, per la prima volta nella storia, i paesi dell’Ue hanno importato più gas naturale liquefatto dagli Usa che dalla Russia

Gazprom: stop al gasdotto Nord Stream per 10 giorni [continua ]

Energie & Risorse

La variante Delta cresce ovunque. Dagli Usa a Israele, dall’Europa alla Russia

La Banca centrale europea: “La ripresa si rafforza. Ma sale l’incertezza dalle varianti”. Un numero crescente di governi si ritrova costretto a posticipare le riaperture e in alcuni casi a reintrodurre limiti agli spostamenti. In Israele tornano le mascherine al chiuso. [continua ]

Life
La Russia supera l’Arabia Saudita

La Russia supera l’Arabia Saudita

Energie & Risorse

L’India approfitta delle sanzioni contro la Russia: compra petrolio a buon mercato e lo rivende all’Europa raffinato e più costoso

Le sanzioni europee contro la Russia stanno alterando l’assetto dell’economia globale. E mettono in evidenza due importanti paradossi. Primo: se l’obiettivo è davvero annientare l’economia russa solo con il gas, non con il petrolio, è possibile. Secondo: se non si introducono sanzioni secondarie, a rimetterci sono anche, e forse soprattutto, i paesi che hanno introdotto le sanzioni stesse. [continua ]

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com