Gas, perché ha guadagnato il 100% in un mese mentre il petrolio è sceso sotto i 100 dollari

Gas, perché ha guadagnato il 100% in un mese mentre il petrolio è sceso

Non si ferma la corsa dei prezzi del gas: sul mercato europeo ha raggiunto (nei giorni scorsi) un nuovo massimo a 162 euro a megawattora, tornando ai livelli del marzo scorso e raddoppiando il suo valore da inizio giugno.

Allo stesso tempo, il petrolio ha preso la direzione diametralmente opposta: il greggio è tornato ai livelli del marzo scorso, ma da inizio giugno ha perso circa il 20% e ieri sul mercato americano è tornato sotto la quota dei 100 dollari.

Tra le motivazioni alla base di una fluttuazione dei prezzi disallineata, ci sono alcuni aspetti ‘pratici’. Il petrolio può essere facilmente consegnato tramite navi cisterna, non solo condutture, e non è complicato trovare nuove forniture sul mercato mondiale. Il gas è, al contrario, un’altra storia.

Tanto per cominciare, poiché la maggior parte dei produttori di gas naturale opera con contratti a lungo termine con gli acquirenti, c’è poca capacità di produzione inutilizzata al di fuori della Russia. Inoltre, ci vogliono fino a quattro anni per lanciare nuovi progetti, e farlo ha senso commerciale solo se il cliente è disposto a firmare un contratto di 20 anni. Tutto ciò significa che, nel breve periodo, la fornitura di gas naturale è quasi fissa.

Il gas naturale è infine costoso da trasportare e difficile da immagazzinare. Al momento, il commercio di petrolio presenta decisamente meno ostacoli.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

L’Opec+ aumenta la produzione. Ma è sufficiente a soddisfare la domanda globale per appena 86 secondi

L’organizzazione dei paesi produttori di petrolio ha raggiunto un’intesa su un aumento di 100.000 barili da settembre. Il viaggio di Biden in Arabia Saudita non ha avuto effetti. [continua ]

Energie & Risorse
quoted business

La Russia registra un avanzo commerciale record: oltre 70 miliardi di dollari. Mai così ampio dal 1994

L’Ue si prepara al peggio. La Commissione presenterà un piano il 20 luglio per ridurre di un terzo l’impatto di una potenziale interruzione del gas russo. Uno scenario che, qualora dovesse verificarsi a luglio, impedirebbe agli stoccaggi europei di riempirsi oltre il 71% da qui a novembre. [continua ]

Energie & Risorse

Il petrolio potrebbe salire fino a 380 dollari al barile

Il G7 si è detto favorevole alla fissazione di un limite superiore al prezzo del petrolio. Ma l’iniziativa sarà inutile, qualora la Russia decidesse di interrompere la fornitura di petrolio all’Ue. Mosca può permettersi di ridurre la produzione giornaliera di greggio fino a 5 milioni di barili senza danneggiare eccessivamente la sua economia. E in tale caso il prezzo dell’oro nero potrebbe arrivare a sfiorare i 400 dollari, mandando in recessione mezzo mondo. [continua ]

Energie & Risorse
quoted business

A giugno, per la prima volta nella storia, i paesi dell’Ue hanno importato più gas naturale liquefatto dagli Usa che dalla Russia

Gazprom: stop al gasdotto Nord Stream per 10 giorni [continua ]

Energie & Risorse

La Cina potrebbe fare con il resto del mondo quello che la Russia sta facendo contro l’Europa

Pechino detiene il 93% delle scorte mondiali di rame, il 74% di quelle di alluminio, il 68% di quelle di mais e il 51% di quelle di frumento. Eppure l’attività estrattiva in Cina è limitata. Come si spiega allora questo dominio? [continua ]

Energie & Risorse
La Russia supera l’Arabia Saudita

La Russia supera l’Arabia Saudita

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com