La Germania sospende il Nord Stream 2. Un’altra mazzata per l’inflazione. Il gas vola

L’Agenzia federale tedesca delle reti ha annunciato la sospensione temporanea del processo di approvazione per il Nord Stream 2, il controverso gasdotto tra Russia e Germania

La Germania sospende il Nord Stream 2. Un’altra mazzata per l’inflazione

L’Agenzia federale tedesca delle reti (Bundesnetzagentur) ha annunciato la sospensione temporanea del processo di approvazione per il Nord Stream 2, il controverso gasdotto che collega la Germania alla Russia attraverso il Mar Baltico, fino a quando l’operatore della infrastruttura, con sede a Zug, in Svizzera, non avrà completato il trasferimento di “beni chiave e risorse umane” a una filiale creata in Germania per la parte tedesca del gasdotto. La decisione del regolatore tedesco dell’energia ha provocato il forte rialzo del prezzo del gas sul mercato europeo. 

La mossa arriva nel momento in cui Nord Stream 2, l’operatore del gasdotto, ha deciso di creare una filiale tedesca nel tentativo di soddisfare le regole dell’Ue che richiedono ai produttori di gas di essere legalmente separati dalle società che trasportano il carburante. La russa Gazprom, controllata dallo Stato, è la proprietaria del gasdotto.

Una volta operativo, Nord Stream 2 trasporterà 55 miliardi di metri cubi di gas all’anno sotto al Mar Baltico, permettendo a Gazprom di raggiungere direttamente i mercati in Germania e in altri paesi europei senza passare per i gasdotti che attraversano l’Ucraina.

“Ogni residua speranza che questa infrastruttura sia disponibile per l’inverno è completamente svanita - ha detto al Financial Times James Waddell di Energy Aspects, una società di consulenza -. Sembra sempre più probabile uno slittamento alla seconda metà del prossimo anno.”

Infatti, anche dopo un’eventuale approvazione preliminare in Germania, il procedimento sarebbe sottoposto a un esame della Commissione europea che potrebbe richiedere fino a quattro mesi. Dopo di che, l’Agenzia federale delle reti avrebbe due mesi di tempo per un’eventuale certificazione finale.

Vladimir Putin dovrà dunque armarsi di molta pazienza. Il via libera al gasdotto arriverà - se arriverà - nel 2022 inoltrato. Altrettanta pazienza sarà necessaria anche sull’altra sponda, quella dei paesi europei acquirenti dell’oro blu. Infatti, prima dello stop temporaneo al Nord Stream 2, i prezzi del gas erano stimati in diminuzione tra il primo e il secondo trimestre del 2022. Una previsione che dovrà probabilmente essere (in parte) rivista.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Russia-Germania, il gasdotto Nord Stream 2 è completato

Russia-Germania, il gasdotto Nord Stream 2 è completato

Energie & Risorse
Nord Stream 2, accordo Usa-Germania sul gasdotto. L’ira di Kiev e Varsavia

Nord Stream 2, accordo Usa-Germania sul gasdotto. L’ira di Kiev (e Varsavia)

Energie & Risorse
Bruxelles, quinto pacchetto di sanzioni contro la Russia. Germania isolata

L’Ue vara il quinto pacchetto di sanzioni contro la Russia. Germania sempre più isolata

Ue
Strategie & Regole
quoted business

Mosca esce dal Consiglio d’Europa: “I paesi della Nato e l’Ue ostili alla Russia. Lasciamo che si divertano a comunicare tra loro”

La frattura tra la Federazione russa e l’Occidente appare sempre più irreversibile. Ma cosa è il Consiglio d’Europa? [continua ]

Strategie & Regole

Descalzi: “L’inverno più duro sarà quello 2023-24”

L’ad di Eni: “Urgente aumentare la capacità di stoccaggio e il numero dei rigassificatori. Il prezzo del gas scende perché il sistema economico si sta adattando”. E attacca Bruxelles: L’Europa sul gas “non riesce a muoversi unita, ci sono interessi divergenti” e nel Vecchio continente “non si parla di energia da 30 anni, quando poi diventano tutti esperti in 5 minuti è difficile trovare una soluzione. L’Europa non è uno Stato, ci sono diverse culture, diversi mix di energia, anche diverse ricchezze”. [continua ]

Energie & Risorse
Gas, Berlino dispone di una quantità pari a 40 volte ...

Gas, la Germania dispone di una quantità pari a 40 volte quella importata da Mosca. Ma non la usa

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com