Erdogan: pronto a inviare truppe in Libia. E a esplorare il gas…

È l’ultima mossa del presidente turco nell’offensiva sul fronte libico, dopo l’accordo sui nuovi confini marittimi firmato a Istanbul nei giorni scorsi

Erdogan: pronto a inviare truppe in Libia. E a esplorare il gas…
Recep Tayyip Erdogan

Recep Tayyip Erdogan è pronto a “inviare truppe turche in Libia” se il governo del premier Fayez al-Serraj “lo richiederà”.

È l’ultima mossa del presidente turco nell’offensiva sul fronte libico, dopo l’accordo sui nuovi confini marittimi firmato a Istanbul una settimana fa. Erdogan ha spiegato che la decisione sarebbe legittima in quanto “anche se c’è un embargo dell’Onu sulle forniture di armi il governo libico può chiedere a un altro Stato di dispiegare le sue forze sul territorio”.

L’esecutivo di Al-Serraj è l’unico riconosciuto dalla comunità internazionale ma controlla soltanto il 10% del Paese nordafricano. Quanto all’embargo sulle armi, non è stato rispettato finora dalla Turchia, così come dagli alleati di Khalifa Haftar, cioè Emirati, Arabia Saudita, ed Egitto.

Erdogan ha poi aggiunto che Turchia e Libia potrebbero condurre ricerche congiunte per i giacimenti di gas nel Mediterraneo orientale, adesso incluse nelle loro acque territoriali. L’intesa fra i due paesi ha tuttavia irritato Grecia ed Egitto. E in ogni caso deve essere approvata dall’Onu per aver valore internazionale.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Haftar apre i porti. Riparte l’export di petrolio

La Libia apre i porti. Riparte l’export di petrolio

Energie & Risorse
Secondo quoted business

Aumentano i fondi italiani alla Guardia costiera libica

Il Parlamento ha dato l’ok alla delibera che autorizza e proroga le missioni militari italiane all’estero. Crescono di mezzo milione di euro i finanziamenti destinati al blocco dei flussi migratori: passati da 10 mln nel 2020 a 10,5 nel 2021. In totale 32,6 mln destinati alla Guardia Costiera libica dal 2017 e salgono a 271 i mln spesi dall’Italia per le missioni nel paese nord africano. Dall’inizio dell’anno oltre 720 vittime lungo la rotta del Mediterraneo centrale, almeno 7.135 dalla firma dell’accordo tra Italia e Libia. [continua ]

Global

Quanti soldi diamo alla Libia per fermare i migranti?

“Le immagini dei bambini morti sulle spiagge della Libia sono inaccettabili”. Si è espresso così Mario Draghi al termine del Consiglio europeo, che mostra tutte le resistenze continentali verso una riforma organica del dossier immigrazione. Entro giugno si arriverà al massimo a un patto intergovernativo che garantisca la suddivisione dei migranti tra alcuni dei Paesi membri. Intanto, dal 2017, l’Italia ha speso in Libia 784,3 mln di euro. Ma la destinazione finale di questi fondi non è nota. [continua ]

Global

quoted business

Draghi in Libia. Obiettivo: una nuova leadership dell’Italia nel paese nordafricano

È la prima all’estero per il presidente del Consiglio.cPer l’Italia tornano così ad aprirsi spiragli economici, diplomatici e sui migranti. Sono questi i tre dossier al centro della missione di Draghi [continua ]

Global
Il nuovo governo Dbeibah ha giurato

Libia, il nuovo governo Dbeibah ha giurato. Verso la fine di un incubo?

Strategie & Regole
Il paese celebra i 10 anni dall’inizio della rivoluzione contro Gheddafi

La Libia celebra i 10 anni dall’inizio della rivoluzione contro Gheddafi

Global

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com