Il contrabbando di petrolio costa alla Libia 750 mln di dollari l'anno

Lo ha dichiarato a GInevra il capo della National Oil Corporation libica, Mustafa Sanalla: “Il 30-40% del petrolio importato dalla Libia è rubato o contrabbandato”

Petrolio, il contrabbando costa alla Libia 750 mln di dollari l'anno

“Il contrabbando di carburanti sta costando alla Libia circa 750 milioni di dollari l'anno”, ha detto oggi il capo della National Oil Corporation libica, Mustafa Sanalla.

Il 30-40% del petrolio importato dalla Libia è illegale

Le parole sono state pronunciate difronte ad una platea importante a Ginevra, alla quale ha spiegato che “il 30-40% del petrolio, prodotto e, importato dalla Libia è rubato o contrabbandato”. Ma non ha soltanto denunciato. Ha chiesto all’Unione europea di combattere i trafficanti sequestrando le loro navi nel Mediterraneo, mentre spera che le Nazioni Unite prendano in considerazione la possibilità di sanzionare i contrabbandieri.

Corruzione dilagante

“Ladri e trafficanti di carburante hanno permeato non solo le milizie che controllano gran parte della Libia, ma anche le compagnie di distribuzione del carburante”, ha detto Sanalla alla conferenza inaugurale di “Oil and Fuel Theft” nella città svizzera. La Libia, detentore delle maggiori riserve di greggio in Africa e membro Opec, tenta di riprendersi dopo anni di riduzione della produzione di petrolio. Ma ha una pesante zavorra.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Frase del giorno - Parole

Secondo gli strateghi delle nostre tv potremmo sostituire il gas russo ovunque, ma nessuno osa ricordare che con la Libia abbiamo un gasdotto e i pozzi di petrolio dell’Eni.

Energie & Risorse
Operazione francese in Libia sfruttata da Il Cairo

‘Egypt papers’, operazione francese in Libia sfruttata da Il Cairo per colpire i trafficanti di uomini

Strategie & Regole

Che fai, rub(l)i? Le big europee dell’energia accontentano Putin

Da Washington Draghi ha (quasi) aperto al pagamento del gas russo in rubli: “Il più grande acquirente, la Germania, ha già pagato in rubli e la maggior parte degli importatori hanno aperto conti in rubli”. Da una parte, i paesi europei continuano a sovvenzionare il conflitto acquistando combustibili fossili dalla Russia. Dall’altra, inviano armi per sostenere la difesa del popolo ucraino. Un’ipocrisia evidente. La questione cruciale intanto rimane: l’Ue deve decidere se continuare ad acquistare il gas russo oppure no [continua ]

Energie & Risorse

Energia solare. Meteo, ora del giorno, stagione e località geografica potrebbero non avere più importanza: ecco perché

L’energia solare diventa ‘on demand’. Si conserva per 18 anni grazie a un microchip che la converte direttamente in elettricità. La storia, che apre nuovi e inaspettati scenari, resa possibile da un cinese in Svezia. [continua ]

Energie & Risorse
quoted business

Draghi: “Accordo con l’Algeria su energia e gas”. La risposta del governo italiano alla dipendenza da Mosca (passando da una dittatura a un’altra)

Draghi, Di Maio, Cingolani e Descalzi in missione ad Algeri centrano l’obiettivo di sostituire un terzo del gas russo: assicurati 9 mld di metri cubi aggiuntivi attraverso il gasdotto TransMed. Il problema però non è diversificare a prescindere. L’accordo con il paese nordafricano aggira l’ostacolo, non lo risolve: gli oligarchi algerini sono forse tanto meglio di quelli russi? [continua ]

Energie & Risorse
Energia, il ritorno alla più sporca delle fonti

Energia, il ritorno alla più sporca delle fonti

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com