Stop alla Shell. Salvato il paradiso sudafricano

Bloccate le esplorazioni del colosso petrolifero nella Costa Selvaggia

Stop alla Shell. Salvato il paradiso sudafricano

Il colosso petrolifero Shell ha perso la battaglia contro alcuni gruppi di attivisti sudafricani.

Le esplorazioni petrolifere a onde sismiche del colosso anglo-olandese al largo della Wild Coast, la Costa Selvaggia, nella provincia del Capo orientale in Sudafrica, sono state considerate “viziate e illegittime” dall’Alta Corte di Makhanda.

La magistratura del paese africano ha intimato alla multinazionale di cessare immediatamente le operazioni in un’area caratterizzata da un ambiente marino relativamente incontaminato che ospita balene, delfini e foche, e di pagare tutte le spese processuali.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Gas, perché ha guadagnato il 100% in un mese mentre il petrolio è sceso
quoted business

Gas, perché ha guadagnato il 100% in un mese mentre il petrolio è sceso sotto i 100 dollari

Energie & Risorse
Gas, petrolio e carbone: a livello globale l’Italia è il terzo importatore

Gas, petrolio e carbone: a livello globale l’Italia è il terzo importatore dalla Russia

Energie & Risorse
Il caos senza fine del post Gheddafi nel paese africano ricco di petrolio
quoted business

Il caos senza fine del post Gheddafi nel paese africano più ricco di petrolio

Energie & Risorse

Il petrolio potrebbe salire fino a 380 dollari al barile

Il G7 si è detto favorevole alla fissazione di un limite superiore al prezzo del petrolio. Ma l’iniziativa sarà inutile, qualora la Russia decidesse di interrompere la fornitura di petrolio all’Ue. Mosca può permettersi di ridurre la produzione giornaliera di greggio fino a 5 milioni di barili senza danneggiare eccessivamente la sua economia. E in tale caso il prezzo dell’oro nero potrebbe arrivare a sfiorare i 400 dollari, mandando in recessione mezzo mondo. [continua ]

Energie & Risorse

L’India approfitta delle sanzioni contro la Russia: compra petrolio a buon mercato e lo rivende all’Europa raffinato e più costoso

Le sanzioni europee contro la Russia stanno alterando l’assetto dell’economia globale. E mettono in evidenza due importanti paradossi. Primo: se l’obiettivo è davvero annientare l’economia russa solo con il gas, non con il petrolio, è possibile. Secondo: se non si introducono sanzioni secondarie, a rimetterci sono anche, e forse soprattutto, i paesi che hanno introdotto le sanzioni stesse. [continua ]

Energie & Risorse

Trovato l’accordo sull’embargo del petrolio russo. Deroghe per Ungheria, Repubblica Ceca, e Polonia. Ma anche la Germania ringrazia

L'intesa sancita durante il vertice Ue prevede lo stop immediato ai 2/3 delle importazioni. Al di là degli annunci roboanti di Bruxelles, se l’Europa vuole azzerare l’economia russa, l’embargo del petrolio non è la via giusta. Solo con il gas può riuscirci. [continua ]

Ue
Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com